Home

Simone Aliprandi

Simone Aliprandi ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft.

Contatta l'autore

Simone Aliprandi
  • Abrogazioni a sorpresa Articolo

    Abrogazioni a sorpresa

    (Pubblicato il 23 Febbraio 2016) Norme importanti per l'Italia digitale a rischio di cancellazione istantanea dopo avere richiesto anni di discussione. Oggi.
  • La clausola zombi Articolo

    La clausola zombi

    (Pubblicato il 19 Febbraio 2016) Le vere motivazioni che portano il cloud di Amazon a regolare i termini d'uso in caso di riedizione della notte dei morti viventi.
  • Diritti acquisiti Articolo

    Diritti acquisiti

    (Pubblicato il 12 Febbraio 2016) La parte facile è che si diventa titolari di diritto d'autore appena nasce il frutto del nostro lavoro. Quella più difficile è…
  • Free come in FOSDEM Articolo

    Free come in FOSDEM

    (Pubblicato il 04 Febbraio 2016) Provocazioni importanti all'ultima edizione del raduno europeo degli sviluppatori open e anche degustazioni alcoliche.
  • Un copyright bestiale Articolo

    Un copyright bestiale

    (Pubblicato il 25 Gennaio 2016) Natura, animali e piante possono creare esperienze straordinarie, ma non essere titolari di copyright. Almeno negli USA.
  • Solus Invictus Articolo

    Solus Invictus

    (Pubblicato il 20 Gennaio 2016) Una nuova versione di Linux sviluppata completamente da zero invece che appoggiata a cose esistenti, è interessante.
  • CC: l’anno del miliardo Articolo

    CC: l’anno del miliardo

    (Pubblicato il 11 Gennaio 2016) Nel 2006 le opere con licenza Creative Commons erano meno di 200 milioni. La grande crescita ha anche ragioni scientifiche.
  • Pericolo: public domain Articolo

    Pericolo: public domain

    (Pubblicato il 18 Dicembre 2015) Sensibilizzare sul tema delle opere in scadenza di copyright che diventano patrimonio di tutti, salvo cavilli di rara perversione.
  • Assi di briscola Articolo

    Assi di briscola

    (Pubblicato il 11 Dicembre 2015) Un gioco tradizionale, software libero, uno sviluppatore appassionato e nascono amicizie, raduni, codice. Più torta fritta.
  • Copyright da primati Articolo

    Copyright da primati

    (Pubblicato il 02 Dicembre 2015) Indubbio che a premere il pulsante di scatto sia stata una mano; ben più nebulosa la specie di copyright da applicare.
  • C’è sempre un copyright Articolo

    C’è sempre un copyright

    (Pubblicato il 25 Novembre 2015) È molto meglio pensarci dal primo istante, quando si mettono insieme i componenti per realizzare un nuovo software.
  • Accordo attorno al cloud Articolo

    Accordo attorno al cloud

    (Pubblicato il 10 Novembre 2015) Tecnologie proprietarie o open source? Spesso, anche con esempi clamorosi, la risposta più efficace oggi è: integrazione.