REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Per muscoli da maker

11 Maggio 2016

Per muscoli da maker

di

Una amministrazione pubblica esemplare nel sostegno fattivo alle iniziative per promuovere la cultura del fare informatico.

Sono capaci tutti a creare un fablab… ma invece chi ha pensato a una palestra digitale? L’hanno fatto a Modena, città che da sempre si distingue per la sua attenzione alle tematiche dell’innovazione e della creatività giovanile.

L’iniziativa è del Comune di Modena, che già da quindici anni gestisce una rete di spazi per l’aggregazione, la formazione e la sperimentazione legata all’informatica e al digitale. Si chiama Rete Net Garage e comprende nove spazi, tutti con una cospicua componente di tecnologie open source.

Palestra Digitale

Palestra digitale di nome e di fatto; un paradiso del making a Modena.

Tuttavia, in questi ultimi tempi in cui l’attenzione non è più puntata unicamente sull’informatica in senso stretto, ma si è allargata a quello che genericamente è chiamato making, non poteva mancare anche una palestra digitale. Qualcosa in più, quindi, di un semplice fablab: due piani per un totale di quasi 150 metri quadrati, adibiti a laboratori con attrezzature dedicate (come stampanti 3D, profilatrici laser, frese di precisione), aule informatizzate per corsi di formazione, sale conferenze. Il nome prescelto è altamente evocativo, MakeItModena, e sostituisce la precedente denominazione di Net Open Source. Ci spiega Walter Martinelli, dipendente del Comune di Modena e responsabile del progetto:

L’aspetto più importante e nuovo sta nell’impegno di un’amministrazione pubblica in un progetto simile. Il Comune di Modena infatti non mette semplicemente a disposizione spazi e attrezzature per le associazioni o i gruppi coinvolti, ma supporta il tutto in modo più attivo e realizza in quel contesto una propria progettualità. MakeItModena organizza corsi, incontri CoderDojo, interventi nelle scuole, percorsi di aggiornamento per i docenti, proponendo un uso consapevole, critico e creativo delle tecnologia ICT, promuovendo lo scambio di esperienze e conoscenze e collaborando con associazioni, comitati anziani e scuole (dalla primaria all’università).

L’inaugurazione si è tenuta proprio questo sabato sotto forma di open day e io ho avuto il piacere di essere parte integrante dell’evento con un seminario divulgativo proprio sul tema della tutela delle idee creative. Dopo il seminario, è stata la volta delle dimostrazioni dal vivo e degli incontri con i maker e gli smanettoni già da tempo attivi nella palestra: potremmo definirli gli allenatori. Giovanni Sighinolfi e Davide Gariselli hanno presentato un prototipo di armatura di Iron Man realizzato in stampa 3D; l’associazione Conoscerelinux ha portato il suo RaspBEER, kit per preparare la birra comandato da un microcomputer Raspberry Pi; Andrea Manni ha parlato dell’uso di Scratch per Arduino; Gianluca Costantini si è invece occupato di illustrare alcuni progetti di aeromodellismo e di oggetti volanti autocostruiti; infine Valentino Vaia ha portato la voce di Girls Code It Better con i suoi simpatici progetti di making.

RaspBEER

Creatività maker al giusto tasso alcolico per portare il buonumore nel coding.

Riporto qui alcune foto da me scattate; sulla pagina Facebook ufficiale si trovano invece gli scatti dello staff del Comune di Modena.

Simone Aliprandi a Modena

L’autore durante il seminario sulla tutela delle idee creative a MakeItModena.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribution – Share Alike 4.0.

L'autore

  • Simone Aliprandi
    Simone Aliprandi ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.