Home
Emotion Driven Design: contenuti attenti all’empatia e ai modelli mentali del nostro pubblico

08 Giugno 2020

Emotion Driven Design: contenuti attenti all’empatia e ai modelli mentali del nostro pubblico

di

La buona scrittura non è solo tecnica ma soprattutto connessione tra testa e pancia di chi parla: se sottovalutiamo la psicologia delle persone, l’esperienza verbale si riempie di ambiguità.

C’è una regola che tendiamo a dimenticare quando progettiamo contenuti digitali: le persone interagiscono con prodotti e servizi nello stesso modo in cui interagiscono con le altre persone nella vita sociale.

Quando parliamo con un amico, un vicino di casa o una collega, le buone norme della comunicazione sono chiare. Nell’interazione con le persone l’empatia ci aiuta a condurre conversazioni di buon senso.

Sembra banale, eppure nella comunicazione digitale ci troviamo quotidianamente davanti a testi e messaggi sbagliati, scritti per ipotetiche creature di un universo parallelo.

Come utenti abbiamo imparato negli anni a decodificare gli strumenti tecnologici sulla base di modelli mentali che usiamo per altri tipi di operazioni analogiche.

Abbiamo imparato a riconoscere le parole del digitale come segnali che ci guidano e ci orientano dentro percorsi spesso opachi.

Pensieri e parole

I modelli mentali rappresentano la nostra visione soggettiva della realtà. Li costruiamo nel tempo e con l’esperienza e attraverso di essi leggiamo gli eventi che ci accadono.

Il modello mentale di chi ha le chiavi della conoscenza (tecnologica o di un settore specifico) spesso non prende in considerazione la possibilità che altre persone non ne capiscano il significato.

Ciò che pensiamo deriva dai nostri modelli mentali, e dai pensieri derivano le parole che usiamo e quelle che non usiamo.

Le parole che usa chi appartiene a un gruppo ristretto e specifico sono spazi vuoti per il resto degli utenti, i quali non riconosceranno quei segnali che indicano le informazioni di cui sono in cerca.

Non è solo una questione di empatia. Se l’empatia è provare quello che sentono gli altri, la comunicazione è basata sulla capacità di metterci nei panni delle altre persone.

Il valore delle emozioni

Recuperare una password o richiedere un documento da un sito web può trasformarsi in un’operazione molto complessa, se le parole che devono guidare gli utenti sono ermetiche formule tecniche.

Quando non ritrovano lo schema logico del loro modello mentale, le persone si sentono perse e provano emozioni negative: ansia, disagio, rabbia, paura.

Sono impotenti davanti a procedure incomprensibili, perché la loro esperienza verbale è lontana dai loro pensieri e dalle loro emozioni.

Quando si adatta alle emozioni e ai modelli mentali delle persone che usano un nostro prodotto o servizio, la lingua è onesta. È precisa, e la precisione è egalitaria.

Se invece sottovalutiamo la psicologia delle persone, l’esperienza verbale si riempie di ambiguità. Dovremo sperare che i nostri utenti condividano il nostro contesto culturale, formativo e sociale, che lo conoscano abbastanza da immaginare i dettagli che non abbiamo fornito e che riempiano da soli il vuoto semantico che abbiamo lasciato.

Un nuovo umanesimo digitale

Sperare che gli utenti capiscano quello che non spieghiamo è sperare in una somiglianza sociale e culturale che è di per sé una barriera d’ingresso.

L’unica garanzia che ci dà la lingua disonesta è che gli utenti capaci di superare la barriera somiglieranno al nostro team.

Progettare esperienze verbali umane è unire le competenze, in una economia di scambio che non si esaurisce nella pratica del design. La buona scrittura, e in particolare quella per la user experience, non è solo tecnica ma soprattutto connessione tra testa e pancia di chi parla e di chi ascolta, e viceversa.

Un prodotto o servizio digitale che sceglie di usare una lingua onesta accoglie le differenze. Rispetta il tempo, le emozioni e le capacità delle persone, non allontana chi è più vulnerabile e non usa parole inappropriate quando aumentano le incomprensioni e la frustrazione.

Preferire la lingua onesta alla lingua disonesta è scegliere la via di un nuovo umanesimo digitale: sta a noi decidere da che parte stare.

Questo articolo richiama contenuti da Emotion Driven Design.

Immagine di apertura di Mayur Gala su Unsplash.

L'autore

  • Valentina Di Michele
    Valentina Di Michele è CEO di Officina Microtesti, primo studio italiano di UX Writing e Design comportamentale. È docente di Content Strategy e Emotional Content per la Business School di LUISS Guido Carli, TAG, Digital Update, Copy 42.
  • Andrea Fiacchi
    Andrea Fiacchi è psicologo e psicoterapeuta e da vent’anni lavora come service designer e digital strategist per grandi aziende e PA centrale. È docente di Design comportamentale e UX Writing per UX University, Copy 42, Ninja Marketing.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
Fare_una_strategia_di_Content_Design-home Corso Online

Fare una strategia di Content Design

Progettare contenuti che facciano sposare felicemente obiettivi aziendali e bisogni delle persone: un sogno? No, realtà: Nicola Bonora ti spiega quali processi, metodi e strumenti usare.

199,00

con Nicola Bonora

webinar-progettare-contenuti-per-una-landing-page-che-funziona-cover Corso Online

Progettare contenuti per una landing page che funziona

Vuoi migliorare l'efficacia dei testi di una landing page? Valentina Di Michele e Andrea Fiacchi ti insegnano cosa fare e cosa evitare per progettare i contenuti di una pagina che converte.

79,00

con Valentina Di Michele, Andrea Fiacchi

language_design_progettare_con_le_parole-home Corso In aula

Language design: progettare con le parole

Nell'interfaccia che hai messo a punto le parole perdono di significato e il messaggio non è chiaro? Forse non stai considerando che le parole possono essere interfacce. Yvonne Bindi ti insegna ad affrontare il design con le parole.

con Yvonne Bindi


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Emotion Driven Design

Progettare contenuti per interfacce in sintonia con le persone

22,70

33,89€ -33%

18,91

19,90€ -5%

13,99

di Valentina Di Michele, Andrea Fiacchi

Content Design

Progettare contenuti web che fanno incontrare persone e aziende

28,30

41,89€ -32%

23,66

24,90€ -5%

16,99

di Nicola Bonora

Language design

Guida all'usabilità delle parole per professionisti della comunicazione

27,90

39,89€ -30%

23,66

24,90€ -5%

14,99

di Yvonne Bindi


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli