Home
Privacy: i Garanti Ue dicono no alla proposta di conservare i dati su telefonate ed e-mail per oltre un anno

27 Settembre 2002

Privacy: i Garanti Ue dicono no alla proposta di conservare i dati su telefonate ed e-mail per oltre un anno

di

Le Autorità europee per la protezione dei dati sono contrarie alla proposta dei governi europei di consentire, per finalità di polizia e di giustizia, la conservazione di dati relativi a tutte le forme di telecomunicazione, compresi e-mail, sms e collegamenti Internet, per oltre un anno.

I Garanti europei per la Privacy, alla conferenza di Cardiff del 9 -11 settembre 2002, hanno espresso un netto parere contrario alla proposta avanzata dai governi europei – che devono dare attuazione alla direttiva 2002/58/Ce, di cui si è parlato in questo sito, entro il 31 ottobre 2003 – di introdurre in modo generalizzato i nuovi obblighi di registrazione sistematica e obbligatoria dei dati di traffico relativi a telefonate, e-mail, sms, collegamenti Internet, per finalità di polizia e di giustizia.

Infatti, l’articolo 15 della citata direttiva prevede che gli Stati membri possano adottare disposizioni legislative volte a limitare i diritti e gli obblighi relativi alla conservazione di questi dati, solo quando tale restrizione costituisca, “una misura necessaria, opportuna e proporzionata all’interno di una società democratica per la salvaguardia della sicurezza nazionale (cioè della sicurezza dello Stato), della difesa, della sicurezza pubblica; e la prevenzione, ricerca, accertamento e perseguimento dei reati, ovvero dell’uso non autorizzato del sistema di comunicazione elettronica”.

Perciò, con questo preciso fine, gli Stati membri potranno adottare misure legislative che prevedano la conservazione dei dati “per un periodo di tempo limitato”, la cui durata massima, però, non è stata indicata.

Proprio a causa della mancanza di una vera e propria delimitazione temporale, nell’ambito del Terzo Pilastro dell’UE, sono all’esame alcune proposte per rendere la conservazione sistematica e obbligatoria di tali informazioni, per un arco di tempo pari o superiore ad un anno, allo scopo di consentire l’eventuale accesso alle stesse da parte delle forze dell’ordine e degli organismi preposti alla sicurezza.

Le Autorità europee per la protezione dei dati, a tal proposito, hanno più volte sottolineato che una conservazione protratta per un lasso di tempo così lungo costituirebbe un’indebita compressione dei diritti fondamentali garantiti ai singoli dall’articolo 8 della Convenzione europea sui diritti dell’uomo, così come ulteriormente sviluppati nella giurisprudenza della Corte europea.

Perciò – avvertono i Garanti europei – “qualora sia necessario, in casi specifici, conservare dati di traffico, deve sussistere un’esigenza dimostrabile, il periodo di conservazione deve essere quanto più breve possibile, e le relative modalità devono essere disciplinate con chiarezza attraverso disposizioni di legge, in modo da offrire garanzie sufficienti contro accessi non autorizzati ed ogni altro tipo di abuso”.

Diversamente, la conservazione per un periodo superiore o pari a un anno sarebbe evidentemente sproporzionata e, per questo motivo, inaccettabile.

I Garanti sottolineano anche il fatto che, misure dotate di tale ampiezza, oltre a comportare costi eccessivi per le imprese operanti nel settore, creerebbero una situazione di forte squilibrio dei paesi europei rispetto agli Stati Uniti, dove misure analoghe non sono previste.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
corso-data-governance Simone Aliprandi Corso In aula

Data governance: diritti, licenze e privacy

I dati sono ovunque intorno a noi ma per poterli utilizzare in sicurezza bisogna confrontarsi con temi complessi che riguardano licenze, proprietà intellettuale e privacy. Se non ti senti sicuro o hai paure di prendere la decisione sbagliata, il corso di Simone Aliprandi fa per te.

249,00

Milano - 31/1/2020

con Simone Aliprandi

Airbnb-scrivere-l-annuncio-e-capire-le-normative–cover Corso In aula

Airbnb: scrivere l'annuncio e capire le normative

Affittare casa con Airbnb può non essere facile. Se il tuo annuncio non ti convince o se non sei sicuro di essere in regola il corso di Francesca Pilla è quello che ti serve.

149,00

Milano - 27/3/2020

con Francesca Pilla

Food-e-Wine-strategie-di-comunicazione-digitale-cover Corso In aula

Food & Wine: strategie di comunicazione digitale

Per il settore enogastronomico le reti sociali sono una grande opportunità per raccontarsi e trasmettere la qualità di un prodotto o di un locale. Se vuoi capire come farlo al meglio, il corso di Barbara Sgarzi può aiutarti.

199,00

Milano - 26/2/2020

con Barbara Sgarzi


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Guadagnare con Airbnb

Manuale per affitti temporanei - nuova edizione aggiornata

22,70

33,89€ -33%

16,92

19,90€ -15%

13,99

di Francesca Pilla

Social Media Wine

Strategie, strumenti e best practice per comunicare il vino online

26,10

38,89€ -33%

19,47

22,90€ -15%

15,99

di Barbara Sgarzi

Fotografare per Instagram

Tecniche di scatto, post-produzione e comunicazione

16,92

19,90€ -15%

di Roberto Cassa


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli