Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
La scrivania si aggiorna

23 Giugno 2006

La scrivania si aggiorna

di

Quel che si dice in Rete. Una nuova interfaccia per i prossimi sistemi operativi? Microsoft saluta Creative Commons. Gli spot e la rete sociale. Un appello alla blogosfera

Una nuova scrivania. BumpTop è il nome di un progetto di ricerca sulle interfacce per sistemi operativi, che si propone di portare avanti la classica metafora del desktop, con un tocco di fisica e di realismo. Su YouTube si può trovare il video relativo al progetto, che, come racconta IctBlog, nasce nell’ambito della Conference on Human Factors in Computing Systems. L’interfaccia aggiunge nuove caratteristiche alla metafora cui siamo abituati come la possibilità di impilare i documenti e l’interazione tramite penna ottica. Fantascienza? No, come osserva Il Tao dei Blog solo un ottimo progetto accademico.

Microsoft e Creative Commons. È stato da poco rilasciato un plug-in per Office, che permette l’inserimento di licenze aperte Creative Commons (utili per proteggere la paternità dell’opera, e decidere come gli altri ne potranno disporre) direttamente dalle applicazioni di produttività personale di Redmond. DownloadBlog spiega come funziona il pratico programmino, e riporta le parole entusiaste di Lawrence Lessig, fondatore del progetto CC. Senzavolto applaude all’iniziativa, e mostra un esempio di licenza Creative Commons applicata a Flickr. Anche Pierluigi Casolari è felice dell’idea, e rileva un lento ma inesorabile cambiamento del nostro rapporto con il copyright.

User generated spot. Mauro Lupi riflette sul corporate blogging, e arriva ad una conclusione: le aziende si accorgeranno piano piano che lo spot basato sulla ripetizione funziona sempre meno, e correranno ai ripari. Poco importa se si serviranno di ghostwriter o chiuderanno i commenti. L’importante è che inizino. Ma il blog non è l’unico modo di avvicinarsi alla rete sociale per le ditte: come osserva Maurizio Goetz possono cambiare anche i modelli di marketing; è quello che capita ad alcune società, che hanno deciso di chiedere agli utenti di Current Tv di produrre spot per loro.

Appello alla blogosfera. Tim Berners-Lee, uno degli inventori del World Wide Web, si dice preoccupato per il futuro della Rete, la cui neutralità è messa in pericolo dagli interessi delle telco (in inglese). Matteo Brunati riassume le idee di Berners-Lee e lancia un appello ai blogger: facciamo girare la notizia, informiamo le persone sulle implicazioni di una rete non neutrale.

ABC batte iTunes. E la Tv? Pushthebutton segnala l’enorme successo di ABC, che ha recentemente messo a disposizione degli utenti le sue serie televisive, visibili in streaming con qualche spot pubblicitario. Le serie sono state viste undici milioni di volte in un mese, battendo anche gli stessi episodi disponibili per il download (senza pubblicità e a pagamento) su iTunes Music Store. I numeri sono ancora troppo piccoli per impensierire la tv generalista, osserva Vittorio Zambardino. Ma come nei vecchi western gli indiani stanno recuperando terreno sul treno dei media tradizionali.

Sistemi Paralleli Lo Schiaccianoci parla di Parallels, un software che permette l’installazione di diversi sistemi operativi su una stessa macchina, e la loro esecuzione in parallelo, attaverso una virtualizzazione.

Tutto in una penna. WinInizio è una raccolta di software open source per Windows, con una particolarità: possono essere eseguiti direttamente da un pendrive, senza bisogno di installazione. Giovy ci spiega come portare con noi le nostre applicazioni.

Pc esplosivi. Freethoughts racconta un episodio avvenuto in Giappone. Protagonista un Laptop dal carattere decisamente… esplosivo.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.