RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Eccolo, il MacBook Air

16 Gennaio 2008

Eccolo, il MacBook Air

di

Quel che si dice in Rete. Il Keynote di Steve Jobs rivela le novità Apple. Tra queste Macbook Air, ultraportatile, leggerissimo... e criticato. L'identità digitale e il problema della frammentazione

Più sottile, più potente, più costoso. Il Macworld di gennaio è tradizionalmente un momento caldo per Apple che presenta le sue prime novità dell’anno. Fed spiega il significato del keynote per un’azienda innovativa come è quella di Cupertino. I live blogging per l’evento si sprecano e c’è anche chi, come Etere e Mescaline, prova a fare un reportage alternativo. Massimo Mantellini nota come Twitter, che avrebbe potuto essere lo strumento informativo più adatto per seguire l’evento, non abbia retto il carico degli utenti. Ziokendo riassume quello che è stato presentato. Svetta, tra le novità, Macbook Air, a metà tra un subnotebook e un notebook tradizionale, impressionante per dimensioni. E per prezzo: come nota Gustomela si tratta di un oggetto di lusso. E in effetti non mancano le critiche: secondo Levysoft il nuovo portatile Apple è troppo in anticipo sui tempi, mentre Pseudotecnico critica l’eccessiva chiusura del sistema. Rhadhamanth fa notare come il portatile abbia bisogno di una serie di periferiche aggiuntive che incidono comunque sulla sua maneggevolezza, e Turbo spiega come avrebbe preferito qualcosa di più simile all’EEEPC di Asus. Anche Paolo Attivissimo è scettico: considerate le alternative, il notebook di Apple offre proprio poco.

L’importanza di un’identità. Matteo Balocco prova a riappropriarsi della sua identità digitale, e Matteo Brunati commenta puntualizzando la necessità di accentrare i propri frammenti di identità. Anche Ilaria Katerinov ha la stessa necessità e si chiede che soluzioni esistano.

La prospettiva del cittadino digitale. Gaspar Torriero riflette sul numero degli utenti dei social network e sull’utilità di essere in contatto.

Il blog? Non va bene per le notizie. Alessandro Longo spiega perché la forma del blog non è adatta al giornalismo.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.