OFFERTA DEL GIORNO

Google AdWords in ebook a 4,99€ invece di 14,99€

Risparmia il 67%
Home
E-tabac.com fumo negli occhi per gli internauti

10 Febbraio 2004

E-tabac.com fumo negli occhi per gli internauti

di

Alcuni merchant poco scrupolosi hanno fatto della vendita online di sigarette il loro nuovo Eldorado, senza preoccuparsi di leggi e buongusto

Il costante aumento del prezzo delle sigarette non ha soltanto impoverito ulteriormente i fumatori, ma sta arricchendo oltre misura siti poco etici. La vendita online di tabacco, illegale in molti Paesi europei, sembra andare a vantaggio di operatori poco scrupolosi, se non veri e propri truffatori. I clienti di E-tabac.com lo hanno scoperto a proprie spese.

Nel luglio scorso, nonostante il nome, E-tabac.com proponeva agli utenti cartucce per stampanti a prezzi inferiori del 30-50% rispetto a quelli praticati sul mercato. Le prime settimane il sito ha rispettato le consegne (fino al mese di ottobre); da allora, i reclami di clienti a cui non è stata recapitata la merce nonostante il pagamento effettuato, hanno iniziato a moltiplicarsi.

Le molte e-mail spedite a E-tabac.com non hanno cambiato la situazione. Problemi di stock, problemi alle dogane, troppi ordini, queste le scuse addotte dal sito per spiegare i ritardi nelle consegne. E adesso, con le sigarette, la storia si ripete.

Anche la struttura della società desta non pochi sospetti. E-tabac.com è una società di diritto mauriziano la cui sede è, tuttavia, situata in Francia. Cosa alquanto bizzarra, tanto più che si sa che i siti Web che si occupano di vendita illegale di sigarette si preoccupano almeno di avere una sede in un Paese nel quale tale commercio non è perseguibile, allo scopo di mettersi al riparo da eventuali azioni giudiziarie. E-Tabac.com non sembra invece preoccuparsene.

Oltre a ciò, il sito da alcuni giorni non è più, apparentemente, attivo e l’unica pagina visualizzabile è quella di login.

Non è la prima volta che Apogeonline si occupa della vendita online di sigarette. In particolare, tempo fa si era parlato della guerra, scoppiata negli Stati Uniti, contro i siti che consentivano ai minori di acquistare tabacchi online; nonché dell’attenzione rivolta dall’Unione Europea alla pubblicità online di sigarette.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.