Vento, pioggia e narrazioni grafiche

Sessanta volte uragani/11

di

thumbnail

28

feb

2018

Se una questione è controversa, trattare con mano esperta il dataset può generare qualunque genere di interpretazione.

[Riproduciamo un articolo di Cole Nussbaumer Knaflic, di cui Apogeo ha pubblicato Data Storytelling, libro con tentativi di imitazione. Il post originale, how you would visualize hurricanes, è tratto dal blog storytelling with data.]

[Gli altri post della serie sono apparsi nel 2017 in data 19 ottobre, 26 ottobre, 8 novembre, 22 novembre, 6 dicembre, 20 dicembre e, quest’anno, 17 gennaio, 31 gennaio, 7 febbraio e 14 febbraio.]

Qualche tempo fa ho ripreso dall’Economist un grafico sugli uragani negli Stati Uniti e invitato i lettori a rielaborarlo, per dirmi che titolo avrebbero usato per descriverlo al posto dell’originale Gli uragani in America sono diventati meno frequenti. C’è voluto tempo per scegliere le sessanta migliori proposte [che presentiamo nel corso di più articoli].

Questo è il grafico originale:

Economist_hurricane.png

Uragani, quanti e di quali intensità, dall’Atlantico a un diagramma.

 

I lettori hanno inviato le proposte più diverse e creative. Qui ne mostriamo una parte.

Robert C.

Robert (Twitter | LinkedIn) ha raccontato la sua procedura nel corso di (un primo, un secondo e un terzo post), per arrivare alla rappresentazione sottostante. Il suo lavoro interattivo si può consultare qui, ricordando la sua conclusione: Dovremmo preoccuparci?

Hurricane_RobertC.png

Farne una questione di velocità porta a scoprire un aumento della media.

 

Robert vO.

Robert (LinkedIn) ritiene che il titolo originale sia semplicemente fuorviante per i seguenti motivi:

“Globalmente, non c’è una significativa correlazione lineare tra anno e numero di uragani (r=-0.12) e la correlazione tra anno e uragani di categoria 3 o superiore è niente più e niente meno di zero. In sostanza i dati sono privi di una tendenza chiara relariva agli uragani potenti. Per questo non si dovrebbe mostrare una linea di tendenza, oppure la si dovrebbe mostrare piatta”.

“Pur noiosetta, questa è la conclusione più rilevante che dovrebbe essere evidenziata da titolo e grafico. Il titolo potrebbe somigliare a ‘Ogni epoca ha i suoi uragani’ o ‘Gli uragani sono cattivi come lo erano cento anni fa’. È chiaro che non sono un copywriter, ma spero di essermi spiegato.”

“Il grafico in sé non è peggio di tanti altri che ho visto. La codifica dei colori ha senso e anche la suddivisione degli anni. La legenda potrebbe essere appena più chiara e le linee di tendenza dovrebbero proprio sparire, perché non ce ne sono.”

“Per mostrare che non c’è un vero trend nel numero totale di uragani o nel numero di quelli meno intensi, cambierei un paio di cose:

  1. Intervalli di cinque anni anziché dieci, per diluire la variabilità dei dati; definire un intervallo ha comunque senso per dare un’idea dell’andamento globale.
  2. Gli uragani di categoria 5 dovrebbero stare in alto, quelli di categoria 1 in basso.
  3. Il 2016 come anno singolo dovrebbe essere eliminato.

Ci si potrebbe limitare a mostrare solo il numero totale di uragani e quelli di maggiore potenza (come nel secondo grafico)”.

Hurricane_Robert1.png

Intervalli di cinque anni per evidenziare la mancanza di tendenze chiare.

 

Hurricane_Robert2.png

Fermiamoci al totale e agli uragani più distruttivi per chiarire le tendenze.

 

Rody Z.

Rody era anche interessato al raffronto tra uragani maggiori e minori, oltre che alla visione di insieme del totale. Ha creato una raffigurazione interattiva su Tableau Public.

Hurricane_Rody.png

La terza sequenz: la differenza tra il numero di uragani intensi e quelli moderati.

 

Ron P.

Il suo racconto: “Speravano di trovare una tendenza filtrando 166 anni di dati in gruppi di dieci anni su un grafico a barre sovrapposte. Mi piace il tentativo, ma mi sono chiesto se ci fosse una via migliore al filtraggio dei dati. Invece che raggruppare a dieci anni, ho applicato una media mobile di vent’anni e disegnato i risultati su curve separate”. Ecco le sue due rappresentazioni:

Hurricane_Ron1.png

La tendenza totale è decisamente di diminuzione del numero di uragani.

 

Hurricane_Ron2.png

Da tempo gli uragani potenti si mantengono sotto la media.

 

Ryan T.

Ha conservato la serie storica per contestualizzare, ma si è concentrato sugli ultimi decenni:

Hurricane_Ryan.png

Una recrudescenza recente degli uragani di maggiore potenza.

 

[Presenteremo in altri articoli il resto delle soluzioni fornite dai lettori del blog di Cole Nussbaumer Knaflic. Se i lettori di Apogeonline vogliono cimentarsi nella sfida, possono inviarci il loro lavoro e relative considerazioni all’indirizzo info@apogeonline.com. Il dataset di partenza è scaricabile da Dropbox. Per aggiungere al dataset le informazioni 2017 bisogna fare riferimento al NOAA.]

Data storytelling

Un manuale per visualizzare secoli di uragani. O molto altro.

 




Cole Nussbaumer Knaflic (@storywithdata) ha maturato un'esperienza più che decennale analizzando ed estraendo informazioni da dati per istituti finanziari, aziende, enti no profit e infine Google. Tiene seminari e workshop per organizzazioni che cercano di accrescere il know-how relativo alla presentazione delle informazioni ed è autrice del popolare blog Storytelling with data.

In Rete: www.storytellingwithdata.com

Letto 1.432 volte | Tag: , , ,

Lascia il tuo commento