FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Un sito britannico per dare un figlio alle coppie lesbiche

26 Giugno 2002

Un sito britannico per dare un figlio alle coppie lesbiche

di

Freschi di nuova legge sull’inseminazione artificiale, che lascia molte perplessità e strascichi polemici, ecco arrivare dalla Gran Bretagna una notizia che fa capire quanto una legge come questa sia inutile in un’ottica di globalizzazione e di Europa.

Un sito Internet britannico, mannotincluded.com (i maschi non sono compresi, ndr) ha dichiarato di aver lanciato il “primo” sito mondiale di donatori di sperma riservato alle coppie di lesbiche che desiderano un figlio.

“Immagina un posto dove puoi avere discrezione… dove non ci sono pervertiti… dove non devi chiedere a un ragazzo per lo sperma… un posto dove entrare sia semplice e discreto…” Imagine… con queste parole (parafrasando la canzone di John Lennon) si presenta il sito, con un’immagine di una donna sola che sorride con il suo bambino in braccio, che sarà totalmente operativo l’8 luglio.
Già adesso, però, raccoglie le domande delle donne e le offerte di donatori potenziali, assicurando di “garantire l’anonimato” tra donatore e coppia lesbica.

I genitori potranno scegliere le caratteristiche del donatore, come il colore degli occhi e dei capelli, ma il donatore e i genitori non si incontreranno mai, come assicura un portavoce del sito.
Una volta scelto il donatore, la donna che desidera avere un bambino ricorrerà all’inseminazione artificiale in una rete di cliniche specializzate.

“Se un bambino dev’essere amato – afferma John Gonzalez, fondatore del sito – per me importa poco che siano due donne o un uomo e una donna che l’allevano”.
Gonzalez, afferma di voler dare la priorità a coppie stabili di lesbiche, aggiungendo che considererà caso per caso ogni domanda di lesbiche nubili o di coppie eterosessuali.

Tutto questo fa apparire come una pruderie codina e clericale la nuova legge sulla fecondazione eterologa approvata nel nostro paese ma, soprattutto, inutile e ingiusta. Solo chi potrà permetterselo (per reddito e posizione sociale) potrà andare a realizzare il suo sogno, magari iscrivendosi a questo sito, con buona pace della fecondazione eterologa.

Ma, soprattutto, una legge che non tiene conto di realtà vere in Europa e in Italia. In Gran Bretagna, ad esempio, le coppie di lesbiche sono 250 mila.

Dunque, auguri e… figlie femmine!

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.