ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Tre etichette indipendenti per iTunes

27 Luglio 2004

Tre etichette indipendenti per iTunes

di

A un mese dal lancio di iTunes Music Store Europe, tre etichette indipendenti di primo piano fanno il loro ingresso nel catalogo del sito di vendita di musica online

Dopo la casa madre americana, anche la filiale europea del sistema di vendita di musica online di Apple integra nel proprio catalogo le prime etichette musicali indipendenti. Il 21 luglio la casa di Cupertino ha annunciato la firma di un accordo con le tre case di produzione musicale indipendenti del Regno Unito. Si tratta di Beggars Group, Sanctuary Records e V2.

Le tre etichette aggiungeranno al catalogo di iTunes alcune decine di miglia di titoli di artisti molto noti. Questi i nomi di spicco: Pixies, Prodigy, Morrissey, Tom Jones, Carla Bruni, Stereophonics.

Per Apple, che ha lanciato la sua piattaforma di musica online nel Vecchio Continente a metà giugno, si tratta di un’autentica sfida: il 22% delle vendite di musica in Europa riguardano artisti sotto contratto con etichette indipendenti. In Gran Bretagna questi artisti “alternativi” rappresentano una quota di mercato del 25% ed è proprio Oltre Manica che iTunes realizza la maggior parte delle sue vendite.

L’accordo tra Apple e le tre etichette indipendenti attenua la polemica scoppiata nel Vecchio Continente al momento del lancio in Europa di iTunes che veniva accusato di discriminazione proprio nei confronti degli artisti non legati alle Majors. Organizzazioni come l’Associazione delle etichette indipendenti (AIM) aveva denunciato all’epoca le condizioni di retribuzione “indecenti” proposte dall’azienda di Steve Jobs.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.