Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Technology Coalition contro la pornografia infantile online

30 Giugno 2006

Technology Coalition contro la pornografia infantile online

di

I grandi provider americani hanno istituito una coalizione per eliminare la pedopornografia via Web.

Anche le grandi aziende non restano indifferenti al fenomeno della pornografia infantile online, in continua crescita. Provider americani come MSN, Yahoo!, AOL e le due Internet Company statunitensi, EarthLink e United Online, hanno deciso di creare un’alleanza istituendo la Technology Coalition, che lavorerà insieme al NCMEC (National Center for Missing and Exploited Children), Centro Nazionale che si occupa dei bambini scomparsi e sfruttati, aumentando la possibilità di catturare i pedofili e «mettere in campo un deterrente per coloro che vorrebbero sfruttare i bambini su Internet», ha spiegato John Ryan, capo dei consulenti legali di AOL.

L’iniziativa, del costo di un milione di dollari, prevede lo sviluppo di un sistema telematico per il tracking di immagini sospette e per intercettare il traffico di pedopornografia via e-mail, al fine di facilitare ai fornitori di servizi Internet (Isp) l’individuazione e impedirne la distribuzione, attaccando e distruggendo la diffusione di immagini illecite di bambini attraverso la Rete. L’idea è quella di creare un database che consenta di individuare le immagini pedopornografiche inviate via posta elettronica, garantendo comunque la privacy degli utenti. Il database di immagini verrà integrato con le foto segnaletiche fornite dall’ufficio governativo che si occupa dei bambini scomparsi e rapiti, e fornirà uno strumento di appoggio alle forze dell’ordine.

La coalizione svilupperà anche strumenti per l’applicazione delle leggi in materia, oltre a studiare la tecnologia utilizzata dai pedofili. Intanto il Parlamento Federale di Washington ha varato una nuova legge, già in vigore in Europa, che introduce l’obbligo per gli Isp di conservare più a lungo i dati sull’uso di Internet da parte degli utenti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.