Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Produttività e mobile computing: accoppiata vincente

28 Settembre 2004

Produttività e mobile computing: accoppiata vincente

di

L'Economist Intelligence Unitha ha svolto, per conto di Nortel Networks, un'indagine sul tema del mobile computing. I dati emersi sono molto interessanti, uno in particolare: la mobilità incrementa la produttività della forza lavoro

La ricerca ha preso in considerazione 309 executive, rappresentanti 17 settori diversi di mercato. Ai fini della ricerca, il mobile computing è stato definito come la tecnologia che permette di avere accesso e di scambiare dati aziendali in movimento.

I risultati evidenziano che l´84% delle aziende ritiene che le soluzioni di mobile computing siano in grado di aumentare la produttività dei propri dipendenti, ma solo il 35% delle società che hanno investito in apparati wireless organizzano corsi di formazione per un suo corretto utilizzo. Inoltre, sempre secondo l’analisi, la tecnologia wireless sta diventando sempre più uno strumento di lavoro onnipresente, con il 58% di senior executive che se ne avvalgono diverse volte al giorno.

Molte delle aziende intervistate stanno investendo nel mobile computing per dare supporto al lavoro in remoto, eliminando il più possibile i tempi morti dei periodi di viaggio. Ma, sebbene i capi desiderino che i propri collaboratori utilizzino il più possibile la tecnologia wireless, percepiscono anche la sempre maggiore “intromissione” del lavoro nella loro vita privata come il principale rovescio della medaglia.

Gli executive vivono le tematiche relative alla sicurezza e le difficoltà nell’integrare la tecnologia wireless, come le principali barriere a un´adozione più ampia del mobile computing. Infatti, tra le aziende che hanno implementato la tecnologia wireless, il 46% non è soddisfatta del grado di sicurezza delle proprie reti. Ciononostante, il 45% delle società non possiede policy specifiche in materia di sicurezza.

Negli ultimi anni questa tecnologia, che permette alla gente di accedere e scambiare dati in movimento, ha fornito uno dei pochi punti luminosi in un settore generalmente tenebroso dell’ICT. Le vendite di Lan senza fili continuano a svilupparsi, e ci sono esempi impressionanti di aziende che hanno utilizzato il mobile computing per reinventare i propri processi di business.

I fautori sono entusiasti: per la prima volta, dicono, l’ICT può estendersi per trasformare ogni settore del commercio. Un giudizio meno ottimistico della tecnologia wireless è emersa da altri intervistati: l´idea di nuove minacce alla sicurezza accresce i timori che le reti senza fili possano essere instabili o vulnerabili. Il progresso deludente delle reti 3G, inoltre, genera un ulteriore valido motivo di esitazione.
Questa ricerca, svolta dall’Economist Intelligence Unit in collaborazione con Nortel, cerca di dissipare alcune delle incertezze che circondano il mobile computing. Lo studio fornisce una rara immagine di come le aziende si stanno schierando nei confronti della tecnologia senza fili ed evidenzia le sfide e le necessità dell’industria ICT.

Sul breve termine, il costo della tecnologia senza fili e le eccessive preoccupazioni in merito alla sicurezza, sono gli ostacoli più grandi alla diffusione del mobile computing. Tuttavia, queste barriere si trasformeranno, ma i problemi di sicurezza, integrazione e formazione del personale, devono essere risolti per portare la tecnologia senza fili sulla via della piena applicabilità. Sul lungo termine, le aziende avranno un compito importante: sostenere un gran numero di tecnologie senza fili, da integrare con i sistemi precedentemente adottati.

I migliori progetti wireless, in realtà, si focalizzano sulle risorse, non sui dispositivi. Mentre le aziende si impegnano nel risolvere la sfida tecnologica, rischiano di dimenticare la componente vitale: gli impiegati.

Soltanto il 35% degli intervistati offre formazione specifica per la tecnologia di mobile computing ai propri dipendenti, mentre quasi la metà non ha un servizio d´assistenza per gli utenti wireless. A uno stadio più avanzato del processo, le aziende incontreranno la resistenza degli impiegati che vedranno il mobile computing come un´intrusione nella propria sfera privata.

E adesso affrontiamo il secondo grande problema: le politiche aziendali di sicurezza, che devono essere aggiornate per compensare la vulnerabilità strutturale delle reti wireless. Le reti ad accesso riservato, con metodi di accesso, controllo e autenticazione severi come la crittografia, possono essere usate per fornire i livelli di sicurezza necessari.

Formato utilizzato e politiche di sicurezza definite, a questo punto un´azienda è pronta ad adottare il mobile computing come soluzione favorevole sotto ogni aspetto. Ultima cosa da tenere bene presente: focalizzare la propria attenzione e le proprie energie sull’identificazione dei processi di business che meritano di essere migliorati o riprogettati grazie al wireless.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.