Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Privacy: USA ed Europa vicini alla firma dell’accordo

22 Marzo 2000

Privacy: USA ed Europa vicini alla firma dell’accordo

di

Le notizie di un mese che davano per imminente l’accordo tra Europa e USA in tema di tutela della privacy sono state confermate dall’intesa della settimana scorsa su un documento che, se non emergeranno problemi, sarà sottoscritto da entrambe le sponde dell’Atlantico al più presto.

Ormai da due anni Stati Uniti ed Europa cercavano di risolvere la complicata questione della privacy e della tutela dei dati personali tra i due continenti. L’oggetto principale della disputa è stato il diritto dei cittadini europei di conoscere dove vanno a finire i loro dati personali, anche al di fuori dell’Unione. Questo diritto deriva da quella direttiva europea sulla protezione dei dati, operativa dall’ottobre 1998, che prevede che la trasmissione dei dati personali possa avvenire solo verso i Paesi extraeuropei che dispongono di un adeguato livello di protezione della privacy. Gli Stati Uniti, invece, hanno sempre utilizzato un approccio più flessibile che integra legge e autoregolamentazione.

La legislazione europea prevede anche il diritto dei cittadini del Vecchio Continente di correggere ogni informazione non corretta, di cancellare ogni dato che sia stato raccolto illegalmente e di ricevere un risarcimento dei danni subiti in seguito a un utilizzo illegale dei propri dati.
Dopo numerosi vertici la settimana scorsa il Dipartimento del Commercio americano e la Commissione Europea hanno finalmente raggiunto un accordo che permetterà il flusso di dati tra i due continenti rispettando i diritti riconosciuti ai cittadini europei. Le compagnie americane dovranno adeguarsi e fin da ora denunciano la complessità della situazione.

Una maggiore attenzione ai dati personali e più rispetto della privacy, in cambio dell’espansione di un business molto promettente. Questo accordo dovrà infatti supportare quei diecimila miliardi di scambi e relazioni commerciali che si prospettano tra i due continenti, soprattutto nel crescente settore B2B.

Prima del varo definitivo i ministri degli stati membri e il Parlamento Europeo dovranno valutare il documento e gli americani si augurano vivamente che l’approvazione arrivi entro giugno in modo da poter applicare al più presto.

Il testo completo dell’accordo suo sito del: http://www.commerce.gov

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.