RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Primi fallimenti del cyber shopping natalizio

27 Dicembre 1999

Primi fallimenti del cyber shopping natalizio

di

Negli Stati Uniti non tutto sembra esser andato liscio in questa prima stagione natalizia di massiccio cyber-shopping. Tra le prima avvisaglie di fallimenti, al primo posto le mancate consegne dei regali ordinati online entro la mezzanotte di Natale. Tra i nomi più grossi ad aver fallito consistente tale limite sembra esserci il gigante Toys “R” Us, secondo il quale però appena il 5 per cento degli ordini ha subito consistenti ritardi. Ma intanto si è affrettato a inviare nottetempo certificati del valore di 100 dollari a quei clienti rimasti a bocca asciutta il 24 dicembre sera nonostante le promesse.

Altro grosso problema, le cui proporzioni dovrebbero materializzarsi però soltanto nei prossimi giorni, sarà il ritorno ai produttori della merce difettosa o erronea. In quest’ambito si prevede un certo caos, essendo gran parte delle società virtuali poco attrezzate per simili gestioni. Più in generale, è l’assistenza clienti il tallone d’Achille dell’e-commerce, come non mancano di mettere in luce i grandi media statunitensi. È il caso ad esempio del Washington Post, che si dice ancora in attesa di una replica alle e-mail inviate oltre una settimana fa sia eToys che a Toysrus.com con richieste su disponibilità e consegna di alcuni articoli.

Infine, questione non da poco riguarda la sopravvivenza di aziende ad hoc quali GiftCertificates.com una volta passata la stagione festiva. I responsabili di quest’ultima sono infatti preoccupati del destino dei 140 impiegati che hanno lasciato lavori stabili per avventurarsi in quest’iniziativa, e per poter restare a galla nel 2000 prevedono persino lo scontato ma apparentemente redditizio lanci in borsa.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.