Home
Prima cosa l'educazione

29 Aprile 2014

Prima cosa l'educazione

di

Sì, dottore, possiamo ingrandire il logo in home. Certo, dottore, i comunicati stampa li mettiamo in evidenza, come no. Però…

Una delle tragedie professionali del web designer occorre quando l’interlocutore primario presso il cliente è il responsabile marketing. Il web è vissuto da molte imprese come una vetrina, il che gli toglie il 95% delle potenzialità.

Permettetemi ancora una volta di citare quel genio assoluto di Randall Munroe, autore del webcomic XKCD. Qui lui esemplifica col sito web di una università, ma mutatis mutandis il principio è del tutto generale.

Che cosa c'è, che cosa dovrebbe esserci

Che cosa c’è sul sito. Che cosa dovrebbe esserci.

Perché e quando viene veramente consultato un sito web, nell’anno 2014? Ci sono sostanzialmente due tipologie di frequentatori. Primo, quelli che hanno bisogno di una informazione subito; probabilmente stanno usando uno smartphone in mobilità e gli serve il numero di telefono, l’indirizzo o dove si parcheggia nelle vicinanze degli uffici aziendali; oppure se un tal prodotto è in pronta consegna, quanto viene al chilo e a quanto ammontano le spese di spedizione. Insomma, deve prendere una decisione ora e qualsiasi distrazione lo irriterà.

Secondo caso, il visitatore è annoiato o curioso, ha una certa quantità di tempo da spendere e vuole venire istruito o divertito. Sì, magari è pure disposto a comprare. Di sicuro ha di fronte a sé uno schermo più grande (almeno un tablet, forse un PC), e sarà il caso di profittarne. Una presentazione superficiale non lo soddisfa: il web non ha limiti di spazio quanto un catalogo cartaceo, quindi il visitatore pretende più dettagli. C’è il tempo, dunque ci deve essere il modo di approfondire qualsiasi argomento (sul web quel modo si chiama link). Scommetto che tutti quelli che stanno leggendo questo pezzullo in questo momento si trovano proprio in questa modalità.

Diciamoci la verità, alla fin fine attacchiamo tutti quanti l’asino dove vuole il padrone, e l’esigenza di portare a casa il lavoro lasciando il cliente soddisfatto prende sempre la precedenza sulla voglia di fare un lavoro elegante ed efficace. Quindi la maggior parte dei siti che io mi trovo a costruire non viene incontro né al primo principio – mobile first – né al secondo — il sito educa, approfondisce, informa e diverte. Si prende invece il materiale strappato a fatica dalle manine rapaci del responsabile marketing e lo si pubblica sul web aziendale. Decorosamente. Mi resta però la speranza che qualche responsabile aziendale di sito web, in uno di quei rari momenti in cui non è di corsa, finisca su questa pagina o sulla pagina di qualcuno che è d’accordo con me e ci pensi. Fate girare la URL.

L'autore

  • Luca Accomazzi
    Luca Accomazzi (@misterakko) lavora con i personal Apple dal 1980. Autore di oltre venti libri, innumerevoli articoli di divulgazione, decine di siti web e due pacchetti software, Accomazzi vanta (in ordine sparso) una laurea in informatica, una moglie, una figlia, una società che sviluppa tecnologie per siti Internet

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.