Home
Più vere del reale

30 Luglio 1999

Più vere del reale

di

Da Lara Kroft a Webbie Tookay, l'inarrestabile ascesa delle nuove star virtuali

Lara Croft, Kyoko Date e ora Webbie Tookay. Queste tre ragazze hanno in comune qualcosa: non esistono. O meglio, non esistono nel mondo reale. Lara Croft è per ora la più famosa: protagonista virtuale del gioco Tomb Raider, a lei sono state dedicate canzoni, innumerevoli copertine e presto anche un film. Kyoko Date è il primo idolo virtuale: una cantante dai lineamenti orientali che trae ispirazione dal romanzo di W. Gibson, Idoru.

Da qualche settimana è però nata anche Webbie Tookay, la prima top model virtuale del mondo che ha preso vita da un progetto di Elite Illusion 2K, una branca della famosa agenzia internazionale di modelle “reali” Elite http://www.elitemodel.com.

Webbie, il cui nome indica già il “luogo di nascita” – e cioè il Web, Internet -, può essere sbirciata, in foto e brevi filmati, nel sito “il Pianeta di Webbie” http://www.elite-illusion2k.com/, un nuovo progetto mondiale di contenuti, servizi e relazioni per Internet, che integra televisione, cinema e mondo della moda.

Due immagini di Webbie Tookay
Inizialmente, il Pianeta di Webbie sarà composto da quattro sezioni:

  • Webbie News: un giornale digitale, dove Webbie, in qualità di modella, illustrerà le più importanti ed interessanti informazioni disponibili su Internet, offrendo suggerimenti sui siti.
  • Webbie Fun: Webbie fungerà da hostess all’interno di questo indice che sarà in grado di fornire informazioni personalizzate per il visitatore, relative a teatri, cinema, ristoranti e bar.
  • Premiada: Webbie promuoverà giornalmente concorsi attraverso Internet, distribuendo diversi tipi di premi (computer, TV, videocassette, automobili, viaggi ecc.). WWW – What We Wear: è la marca che identificherà la ”Generazione Web” con prodotti come accessori, occhiali da sole, cosmetici, borse e altri oggetti personalizzati e firmati ovviamente da Webbie.
  • Webbie Cine News (WCN): sarà un programma di varietà, una prodotto da rendere visibile esclusivamente nei cinema, prima della proiezione del film. Questo programma avrà una durata media di tre minuti
  • Webbie TV News: sarà una versione del sito per la TV. Sarà prodotto utilizzando la tecnologie più avanzate e che consentirà a Webbie di avere un’interazione dal vivo con i suoi ospiti.

Webbie è stata disegnata da Steven Stahlber con parametri estetici definiti da John Casablancas, presidente della Elite, il quale ha dichiarato in conferenza stampa: “Stiamo lanciando un nuovo concetto di bellezza per il nuovo millennio. Webbie è il risultato di un investimento di circa un milione di dollari”.

È solo la prima di una serie di modelle virtuali che, nelle intenzioni di Casablancas e del suo staff, potranno partecipare a sfilate di moda virtuali, servizi fotografici, pubblicità, programmi televisivi, giochi elettronici e così via. L’annuncio al mondo di questo progetto avverrà in modo ufficiale il prossimo Settembre a Nizza, nel corso della serata finale dello show Elite Model Look’99.

Finora abbiamo solo potuto “vedere” Webbie e sentire ciò che narrano di lei i suoi creatori: cosa avrà da dirci quando le sarà anche data la parola? Il fatto è che assistiamo al moltiplicarsi di questi personaggi virtuali e la fantasia cinematografica di James Cameron sta creando un nuovo film proprio su tali simulacri umani, i cosiddetti “Avatar“. Il concetto ha origine non certo dal mondo informatico, bensì da un lontano territorio: l’induismo.

Nella religione indù, l’avatar è l’essere supremo conservatore del mondo, Visnù, che nei momenti di decadenza si incarna e scende sulla Terra per ridistribuire l’ordine. Nel mondo della computer-grafica, invece, l’avatar è l'”incarnazione” di una persona in un oggetto elettronico che viene poi rappresentato su uno schermo. Il termine è stato adottato anche nelle comunità elettroniche dei MUD (Multi User Dungeon, ovvero i giochi di ruolo multiutente) i cui individui si attribuiscono identità virtuali. Grazie al progredire della tecnologia VRML (Virtual Reality Modeling Language), “farsi un avatar” sarà in futuro come fare la proprio fototessera?

Due siti di Lara Croft:

http://digilander.iol.it/sava/lara/laracrof.htm
http://network.ctimes.net/cb/lara/index.html

Due siti di Kyoko Date:

http://space.tin.it/spettacolo/fguerrin/date.htm
http://www.tv3000.nl/kyoko/

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.