FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Più in fretta, ancora più veloci

11 Gennaio 1999

Più in fretta, ancora più veloci

di

L'obiettivo di tutti gli operatori Internet è ormai uno solo: aumentare la velocità di accesso alla Rete. Ecco cosa c'è dietro l'angolo: Web Satellite, DSL Phone Service e Cable Web per viaggiare fino a 60 volte più veloci di oggi.

(Riassunto della puntata precedente.)
Circa 34 milioni di nordamericani usano in maniera continuativa Internet. C’é chi surfa, chi compra, chi si informa, chi semplicemente comunica.
I modem 14.4K, 28.8K, e persino i 33.6K fanno bella mostra nel reparto offerte speciali: ormai non li compra più nessuno. In tutte le case, su ogni PC che si rispetti, il modem 56K é la regola, ma la FCC (Federal Communications Commission) impone a tutte le comunicazioni via cavo telefonico il limite massimo di 53K (così, anche se i modem sono nominalmente 56K, la massima velocità accettata é, appunto, 53K); ma per gli Americani, affamati di velocità, nuove proposte stanno sorgendo all’orizzonte. Vivere in fretta, comunicare in fretta.

È arrivato il futuro

Prologo:
In un raduno svoltosi a Chicago circa un mese fa, si é discusso su come rendere accessibile a tutti gli Americani un servizio Internet più efficiente e su come realizzare modem che chiunque possa installare da sé, in modo semplice. In ballo ci sono nomi come Circuit City e Radio Shack (Tandy Corp.), due giganti della distribuzione di prodotti elettronici in tutta l’America del Nord. Visti gli interessi e la rapidità d’innovazione della Rete le novità potrebbero arrivare prima della fine del millennio.

Web Satellite (pronuncia: “ueb satellait”)

Comunicazioni via satellite. Non più cavi, né interruzioni, né corti circuiti, né problemi di ricezione. Dovrebbero offrire linee quasi 10 volte più veloci delle attuali, attraverso un sistema di antenne satellitari, Internet come il cellulare?
La Hugues Network Systems e la Loral’s Cyberstar già offrono il servizio tramite dei propri sistemi satellitari.
Costo al momento attuale: $100 al mese, più o meno. Ancora caro per un privato, non per un azienda.

DSL Phone Service

Sempre attraverso la linee telefonica di casa si può arrivare a 1.500.000 Bps: 4 volte più veloce del satellite, quasi 30 volte più del modem 56K.
Si deve ovviamente usufruire di una linea dedicata, ma al tempo stesso si può essere collegati continuativamente al Web e usare il telefono di casa in modo tradizionale.
Alcune società telefoniche (Covad Communications, North Point Communications) già stanno offrendo il servizio in Boston, LA, NY, SF ed altre grandi città, principalmente a piccole e medie aziende. Costo massimo: $250 al mese.
È attesa in breve la copertura di tutto il territorio Nord Americano. E i costi dovrebbero scendere intorno ai $60 al mese. Niente più che un’uscita per due in un ristorante medio-economico, qui in Silicon Valley. Ma c’è di meglio. Internet via cavo?

Cable Web. Ma dove si va a finire?

Ebbene sì: attraverso gli stessi cavi che ti portano in casa l’ennesima ritrasmissione di “Titanic”infarcita di pubblicità di fuoristrada e auto giapponesi, arriva il Web.
Già 350.000 fortunati ci surfano ogni giorno negli USA, a velocità da capogiro. È necessario un modem particolare, e si raggiungono velocità di collegamento di quasi 60X rispetto al modem 56K. Finalmente, quando ci si collega a un website, arrivano subito le immagini sullo schermo. Miliardi di $$ vengono già investiti in questo business, e le previsioni sono rosee. Potenzialmente circa 15 milioni di Americani potranno presto accedere al nuovo servizio. E costa solo $40 al mese!

La domanda sta crescendo dunque rapida, ma i tempi di realizzazione sono ancora incerti.
Nel frattempo alcune tendenze si stanno diffondendo: rimanere online tutta la giornata, per esempio, per poter continuamente consultare l’immenso archivio di dati presenti nel Web, oppure ricevere e rispondere a messaggi e-mail in tempo reale. Per me é già una realtà, mi sembrerebbe “strano”se fosse diversamente. Ah, i tempi che cambiano!

Facciamo due conti: se volessimo fare il download dell’intera Enciclopedia Britannica:

Modem 56K: 27h e 50′
Satellite: 3h e 40′
DSL: 1h
Cable: 30′

Ma non buttate ancora via i vostri modem 33.6, ci vorrà ancora un poco di tempo prima che sia una realtà, fuori dagli USA.
Qui Silicon Valley, a voi Italia.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.