Home
Philips MediaHedge individua i file pirata

15 Dicembre 2006

Philips MediaHedge individua i file pirata

di

La nuova piattaforma Philips, nata per far fronte alle esigenze di portali e network P2P, sarà in grado di scovare contenuti multimediali illegali

Philips è pronta al lancio di un nuovo servizio B2B anti-pirateria capace di analizzare i file multimediali. MediaHedge, in pratica, potrà essere utilizzato dalle aziende del settore per valutare eventuali posting online degli utenti o loro condivisioni.

«MediaHedge è un sistema di risoluzione automatica delle querelle sui diritti, che può sostituire le procedure attuali secondo cui i gestori di siti web rimuovono materiale protetto da diritto d’autore dai propri siti dopo che è stato richiesto loro dai detentori dei diritti», si legge nel comunicato di presentazione Philips. «Quando identifica la pubblicazione di materiale protetto, l’operatore web potrà decidere se consentire, limitare o impedire l’uso dei materiali appena caricati sul proprio sito di video-sharing o rete P2P, sulla base dei desideri dei detentori dei diritti».

I ricercatori di Philips Content Identification, che si stanno occupando del progetto, hanno confermato comunque che questo tipo di soluzione «non limita l’uso di contenuti né restringe l’uso sempre più popolare dei siti di video sharing».

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.