Home
Palinsesto Italia bandisce un premio per gli studenti bolognesi

13 Ottobre 2005

Palinsesto Italia bandisce un premio per gli studenti bolognesi

di

Da Palinsesto Italia nasce il premio per l'universitario multimediale, una sezione speciale del premio denominata "Sezione Progetti"

La Provincia e l’Università di Bologna quest’anno sono passati da semplici promotori del Premio Palinsesto Italia a parte attiva nella nascita di “Sezione Progetti”. Si tratta di un premio inserito nella seconda edizione del Premio Palinsesto Italia, appuntamento nazionale dedicato all’innovazione e ai nuovi contenuti per l’industria multimediale.

La “Sezione Progetti” è un bando di concorso che mette in palio 2.500 euro ed è diretto agli studenti iscritti all’Ateneo di Bologna. Lo scopo è incentivare la creatività dei giovani e favorire la successiva realizzazione del progetto. Si tratta di una prima sperimentazione basata sul bacino dell’università, allo scopo di raggiungere in futuro un target più ampio. La scadenza del bando Palinsesto Sezione Progetti è il 15 novembre. La partecipazione al premio è gratuita i candidati alla “Sezione Progetti” devono compilare la scheda di iscrizione online.

Dall’idea al progetto per finire con il prodotto. Questo uno degli obiettivi della “Sezione Progetti”.

L’industria italiana dei contenuti oggi in Italia ha un valore che si avvia a superare gli 8 miliardi di euro entro la fine del 2005, mentre il valore aggregato dell’indotto è stimabile in circa 25 miliardi. Ogni euro speso in questo mercato genera un effetto moltiplicativo di circa 3 euro, sebbene permangano livelli impositivi che penalizzano sensibilmente la fruizione di contenuti sui mezzi di comunicazione digitali (Internet, Telefonia Mobile e Tv Digitale Terrestre e Satellitare) a vantaggio di quelli tradizionali. I contenuti oggi, infatti, viaggiano su un livello più basso rispetto alla tecnologia, e spesso si fa ricorso ai Paesi esteri. La matrice di questi premi legati all’editoria multimediale nasce proprio dal desiderio di trovare delle nuove leve tutte italiane che siano in grado di coprire questo gap e facciano girare l’economia italiana nel settore multimediale.

I criteri di valutazione della “Sezione Progetti” terranno conto degli elaborati nati in relazione alle nuove piattaforme e ai nuovi supporti mediali, cioè progetti che contemplino un’articolazione su diverse piattaforme e supporti mediali, progetti che affrontino sul piano dei contenuti o su quello linguistico un approccio multidisciplinare, progetti che pur affidandosi a piattaforme e supporti tradizionali ne sappiano re-interpretare forma e funzione in termini di spiccata novità.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.