FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
P2P: la licenza legale frutterebbe 800 milioni di euro

16 Giugno 2005

P2P: la licenza legale frutterebbe 800 milioni di euro

di

La francese Alliance Public-Artistes continua a battersi per l'instaurazione di un "compenso globale" sugli accessi Internet, per rispondere al fenomeno del download e dello scambio di file protetti su Internet

L’Alliance Public-Artistes è un movimento francese composto da una quindicina di organismi che rappresentano il pubblico, gli utenti, i consumatori e gli artisti-interpreti, tra cui spiccano Ufc-Que Choisir, Adami, Spedidam, Ada (Association des audionautes) e la Ligue de l’Enseignement.

Il compenso proposto dall’alleanza, in un comunicato stampa, intende rispondere al problema degli scambi illegali (lungi dallo scomparire, nonostante le azioni giudiziarie e l’adozione di dispositivi anticopia), legalizzando i download e le condivisioni online di file protetti dal diritto d’autore.

Precisamente, gli internauti sarebbero liberi di condividere legalmente il contenuto del loro hard disk “a condizione che ciò avvenga senza alcuno scopo commerciale”, naturalmente. Il compenso sarebbe invece prelevato alla fonte, direttamente sui canoni degli accessi Internet e percepito dalla società di gestione che raccoglie tutti i provider. Il contributo sarebbe in seguito ridistribuito agli autori, agli artisti-interpreti e ai produttori.

Tra inizio 2002 e fine 2004, Ufc-Que Choisir stima in 600 milioni di euro il profitto che gli aventi diritto avrebbero percepito, applicando una tassa di 5 euro al mese. In questo caso, nel 2010, presumendo 14 milioni di internauti, il livello del contributo potrebbe raggiungere una cifra compresa tra 700 e 800 milioni di euro, cioè circa il 40% del mercato dei Cd.

Essendo facoltativa, la licenza non penalizzerebbe gli internauti che non scaricano file protetti dal diritto d’autore.

Secondo i suoi detrattori, però, questa proposta non risolve il problema della “pirateria” su scala internazionale, a meno di instaurare la licenza legale a livello mondiale.

Senza contare il fatto che una licenza di questo genere porterebbe alla più che probabile scomparsa delle piattaforme commerciali di musica online…

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.