Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Non abbastanza indipendenti

11 Aprile 2012

Non abbastanza indipendenti

di

I librai indipendenti non potranno più vendere ebook Google attraverso i propri siti, almeno non se fanno affidamento sull'infrastruttura del colosso di Mountain View.

Dal 31 gennaio 2013 Google interromperà il suo reseller program dedicato alle librerie online indipendenti interessate alla vendita di ebook.

La sensazione è che non si tratti di una splendida notizia:

Google is ending the program that allows independent booksellers to sell Google e-books through their websites. It is a big blow for small bookstores seeking to compete against Amazon and Barnes & Noble.

All’interno del programma, Google si occupava del repository e della distribuzione digitale dei titoli, lasciando che i negozi si concentrassero sulle vendite. Una soluzione interessante per chi non avesse le risorse per sviluppare una infrastruttura propria. Evidentemente però i risultati non sono stati quelli sperati:

the reseller program has not gained the traction that we hoped it would, so we have made the difficult decision to discontinue it. We will work closely with our sixteen reseller partners as they transition in the coming months. Also, booksellers will still be highlighted in the “Buy this book” section of Google Book search, supported with our affiliate program and have access to free Books APIs.

Com’è logico (e giusto e legittimo) Google rafforza la sua posizione, taglia fuori i concorrenti, concentra traffico, navigazione e acquisti su Google Play.

È importante tenere presente che Google è (era, di fatto) l’unico tra i grandi player a offrire un servizio di questo tipo. La reazione dell’American Bookseller Association (ABA) non si è fatta attendere (ma sinceramente non è molto incoraggiante):

To say the least, we are very disappointed in Google’s decision, but, we have every confidence that, long before Google’s reseller program is discontinued, ABA will be able to offer IndieCommerce users a new alternative e-book product, or choice of products, that will not only replace Google eBooks as it currently works on IndieCommerce sites but that will be in many ways a better product.

L’ABA ha preso tempo, non ha sviluppato una strategia, non ha investito in tecnologia e infrastrutture, e di fatto ha delegato a Google parte di quelli che sono suoi compiti e responsabilità. Il risultato è che, a oggi, senza il sostegno di una web company di un certo peso le librerie indipendenti non hanno modo di competere in modo appropriato con Amazon, Apple, B&N, Kobo (e Google, a questo punto).

Viene da domandarsi se – al netto dei buoni propositi – questa volta non sia tardi, davvero troppo tardi per porre rimedio.

L'autore

  • Ivan Rachieli
    Ivan Rachieli, 30 anni, laurea in letteratura russa, master in editoria. Ha lavorato in GeMS con gli ebook, e in ZephirWorks con le applicazioni web. Un giorno mollerà tutto e se ne andrà sul lago Bajkal, per dedicarsi finalmente alle cose serie, come ad esempio la caccia col falcone. Se avete voglia di conoscerlo meglio, potete fare due chiacchiere con lui su Twitter @iscarlets o leggere il suo blog.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.