FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Mya, la biondina virtuale di Motorola per l’Internet che parla

31 Marzo 2000

Mya, la biondina virtuale di Motorola per l’Internet che parla

di

Dopo la cyber presentatrice Ananova, ecco arrivare la bella Mya (si pronuncia Maia).
Alta, flessuosa, capelli biondi corti a caschetto e l’immancabile microfono che spunta da dietro l’orecchio, tra qualche mese questa creatura virtuale, realizzata da Motorola, guiderà gli utenti attraverso i servizi sul cellulare.

Gli americani hanno già scoperto Mya durante gli Oscar: la biondina virtuale era la star in uno spot pubblicitario di un minuto che annunciava “l’Internet che parla”.
Questo personaggio, creato per Motorola dal Digital Domain, uno studio californiano di effetti speciali, obbedirà a voce.

I possessori di un telefono cellulare non avranno altro da fare che chiedere per sentirsi sussurrare gli orari dei voli, l’andamento dei titoli Nadaq, i risultati del baseball o la temperatura a New York.

“Lei permetterà di accedere rapidamente alle informazioni su Internet – spiega Motorola in un comunicato – senza toccare ne guardare”.
Questo servizio che sarà proposto inizialmente negli Stati Uniti entro l’autunno, sarà a pagamento.

Sul sito di presentazione di Mya gli utenti possono registrarsi per avere notizie su quando il servizio sarà attivo nel loro paese (c’è anche l’italia) e sentire in anteprima la seducente voce della biondina dal sorriso smagliante (e virtuale).

Per i più curiosi, Motorola ha messo online lo spot mandato in onda durante la serata degli Oscar, disponibile in Real Player e diverse velocità di modem (28.8, 56 e 220 k).
Inoltre notizie sul nuovo tipo di tecnologia utilizzata, la Web W/O Wires.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.