OFFERTA DEL GIORNO

Machine Learning con Python in ebook a 6,99€ invece di 24,99€

Risparmia il 72%
Home
MP3.com perde il processo intentato dalle major della musica e rischia di chiudere

16 Giugno 2000

MP3.com perde il processo intentato dalle major della musica e rischia di chiudere

di

Nel processo che lo vede opposto a Time Warner e BMG entertainement, MP3.com subisce un grosso colpo e dovrà versare tra i 15 e i 25 milioni di dollari a ciascuna impresa.

E non solo. Oltre a questa salatissima multa, dovrà versare le royalties per tutti i brani scaricati.

Un duro colpo è stato portato ai promotori della musica gratuita su Internet.
La società MP3.com, che gestisce il sito Internet con il medesimo nome, perde il processo intentato da Time Warner e BMG entertainement.

Il sito dovrà pagare un’ammenda compresa tra i 15 e 25 milioni di dollari per aver infranto i diritti d’autore gestiti dalle due compagnie.
Oltre a questa ammenda, il sito sarà obbligato a pagare le royalties per ogni file MP3 scaricato dal suo sito.

Da questa condanna non è stato toccato tutto il sito MP3.com, ma solamente il servizio my.mp3.com.
Questo servizio permette a ogni utente di registrare su CD vergini i brani sotto forma di file MP3 e di metterli a disposizione del pubblico.

Ma più che una vera e propria nobile battaglia per il diritto d’autore, si tratta piuttosto di interessi finanziari delle grandi compagnie discografiche.
Con questa decisione, Time Warner e BMG vogliono poter negoziare diritti più costosi per la distribuzione dei loro prodotti online su Internet.

Il direttore di MP3.com, Michael Robertson ha indicato che questa decisione potrebbe fortemente influenzare i conti della sua società senza precisare, evidentemente, l’ampiezza delle future fluttuazioni.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.