Home
Microsoft portata in giudizio per violazione della privacy con Windows XP

30 Luglio 2001

Microsoft portata in giudizio per violazione della privacy con Windows XP

di

Alcune organizzazioni americane di difesa dei consumatori hanno deciso di intentare causa contro Microsoft, perché alcuni dei servizi offerti nel nuovo sistema operativo Windows XP rappresenterebbero una violazione della privacy e dovrebbero essere modificati prima del lancio del software sul mercato, previsto per ottobre.

L’EPIC (il Centro di informazione sulla privacy online), che associa una dozzina di altre organizzazioni di difesa dei consumatori, accusa Microsoft di “pratiche sleali e ingannevoli aventi per fine di stabilire un profitto, di seguire e di sorvegliare milioni di utenti di Internet”, in un dossier depositato presso la Commissione federale del commercio (FTC).

La denuncia cita specificatamente l’insieme dei servizi.NET, che comprendono i servizi di registrazione dei dati personali Passport, del borsellino elettronico Wallet e del sistema di trasmissione dei dati personali HailStorm, “concepito per ottenere informazioni personali dei consumatori negli Stati Uniti in modo sleale e ingannevole”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.