RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
L’industria high-tech USA sempre alla ricerca di personale straniero

22 Luglio 1999

L’industria high-tech USA sempre alla ricerca di personale straniero

di

Nel tentativo di superare la sempre più pressante penuria di ingegneri e programmatori di alto livello, l’industria high-tech statunitense sta facendo nuovamente pressione sui legislatori del Congresso per ampliare la quota annuale di visti per stranieri. Nonostante questi siano stati quasi raddoppiati per l’anno in corso — 115.000 rispetto ai 65.000 del 1998 — tale quota è stata già raggiunta a metà giugno. Le aziende non potranno inoltrare nuove applicazioni fino al primo ottobre, e comunque l’iter di approvazione richiede due-tre mesi, per cui soltanto ad inizio 2000 i nuovi assunti potranno effettivamente entrare in USA.

A detta delle industrie informatiche, ciò comporta gravi problemi nel settore perchè, nonostante la continua ricerca di personale qualificato all’interno del territorio nazionale, negli ultimi dieci anni la presenza di ingegneri elettronici statunitensi è scesa del 40 per cento. Diviene quindi sempre più cruciale assumere esperti high-tech provenienti da altri Paesi, in particolare dall’Asia Sud-orientale e dal subcontinente indiano.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.