ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
L’ICANN invita VeriSign a sospendere il suo servizio di reindirizzamento

24 Settembre 2003

L’ICANN invita VeriSign a sospendere il suo servizio di reindirizzamento

di

Il servizio di reindirizzamento delle richieste sbagliate verso i server di VeriSign non piace a nessuno, così L'ICANN, in attesa di leggere le relazioni in corso sul tema, chiede a VeriSign di interrompere questa pratica. Senza successo

L’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) ha finalmente reagito al servizio Wildcard di VeriSign, invitando la società americana a sospendere la propria attività fino a che “i diversi resoconti in corso non siano stati redatti”. Invito che VeriSign, per ora, ha declinato.

Come già detto nel nostro precedente articolo, la società che gestisce i domini “.com” e “.net” ha creato un servizio che reindirizza automaticamente verso il proprio motore di ricerca SiteFinder le richieste sbagliate degli utenti. In altre parole, quando un utente digita un indirizzo Internet con estensione “.com” o “.net” inesistente (o non ancora registrato), dal 15 settembre 2003 viene automaticamente reindirizzato verso il servizio di VeriSign.

Le riflessioni dell’ICANN

In seguito al diluvio di proteste che l’iniziativa di VeriSign ha sollevato, L’ICANN si è preoccupato della sua legalità. “Dall’avvio del servizio – riferisce un comunicato dell’organismo – l’ICANN ha analizzato le reazioni della Comunità e le conseguenze tecniche del servizio Wildcard, e sta rileggendo attentamente i termini del contratto stipulato con VeriSign per la gestione dei domini “.com” e “.net”.

L’ICANN ha attivato il suo comitato consultivo sulla sicurezza e la stabilità e non l’ufficio incaricato dell’architettura Internet (Internet Architecture Board, IAB). Quest’ultimo, comunque, alimenta le polemiche tramite un’approfondita analisi sulle nefaste conseguenze dell’iniziativa di VeriSign sul funzionamento dei DNS (il sistema che traduce gli indirizzi alfabetici in indirizzi IP). In poche parole lo IAB invita chiunque utilizzi sistemi di reindirizzamento Wildcard a interromperli immediatamente.

In effetti, VeriSign non è la prima società del settore a reindirizzare gli utenti verso i propri server. Microsoft propone un servizio simile, che, a partire da Internet Explorer o MSN, rimanda automaticamente l’utente verso il proprio motore di ricerca MSN Search. Ma si tratta di una funzione propria del browser della software house, che è, peraltro, disattivabile. Una funzione, comunque, ormai superata a monte, almeno per gli indirizzi “.com” e “.net”, dall’iniziativa di VeriSign.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.