Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Libertà sotto l’albero

02 Dicembre 2013

Libertà sotto l’albero

di

Predicarla e pretenderla in forma assoluta, con le migliori intenzioni, è un modo per respingere tante persone meno consapevoli.

Trovo da ridire sull’approccio certo radicale e controcorrente, certamente fuori bersaglio ed equilibrio che Free Software Foundation assume verso l’ingrata e al tempo stesso lieta problematica dei regali di Natale.

Per quanto comprensibili e del tutto in linea con gli scopi dell’associazione, le premesse alla Holiday Giving Guide 2013 – che tra l’altro attende una traduzione in italiano – appaiono così draconiane da risultare indigeste e probabilmente controproducenti. Non è così che si promuove davvero la diffusione ampia degli strumenti liberi:

Aziende come Microsoft o Apple possono usare e useranno Digital Restrictions Management (DRM) per impedire ai vostri parenti di condividere applicazioni sul portatile che gli regalate o creare un remix musicale sul loro nuovo e costoso iPad. […] Le aziende vogliono che accettiamo questo tipo di controllo intrusivo che, se ci pensiamo, è antietico (e fastidioso!).

Non manca l’esempio della sfortunata che l’anno scorso si è vista bloccare senza spiegazioni tutti i libri sul proprio Kindle. Si condivide l’impostazione di fondo verso la libertà di condivisione e di manipolazione dei dati in nostro lecito possesso, non l’eccesso di rigore che appare francamente punitivo senza ragione vera.

Un computer Windows può benissimo essere pieno di software libero e contemporaneamente più semplice di tante distro Linux (che hanno molto da imparare in tema; libero non è sinonimo di configurabile se in possesso di conoscenze tecniche superiori). La musica che si compra su un iPad – su iTunes – è libera da DRM da anni, grazie al convincimento operato da Apple sulle major e non per il lavoro (indispensabile) della Free Software Foundation. Si possono apprezzare gli sforzi (encomiabili) del Project Gutenberg anche su un Kindle.

Ciò detto, la Guida è un documento positivo e incoraggiante per sviluppare una propria vita tecnologica autonoma e consapevole, che non vede il Male nelle tecnologie più diffuse anche se proprietarie e giustamente traccia una linea oltre la quale si preferisce fare da sé. Soluzioni come Least Authority o MediaGoblin meritano risalto più di quanto ne abbiano e c’è altro, talvolta misconosciuto, sempre interessante.

È il momento giusto per leggerla.

 

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.