Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Le Poste Italiane danno a 12 mila dipendenti un computer con lo sconto

21 Marzo 2000

Le Poste Italiane danno a 12 mila dipendenti un computer con lo sconto

di

Automazione degli uffici e alfabetizzazione (informatica) del personale: anche in Italia qualcosa si muove

Dopo la scelta delle aziende americane di trasformare una parte degli aumenti ai dipendenti in attrezzature informatiche, anche in Italia qualcosa si sta muovendo e proprio da dove meno ci si aspettava.

Sono 12 mila, infatti, i dipendenti di Poste Italiane che hanno acquistato un personal computer a condizioni agevolate, grazie a un’offerta che si è conclusa nei giorni scorsi
È la stessa società ad annunciarlo, ribadendo che i computer sono stati forniti da Compaq.

I dipendenti di Poste Italiane hanno acquistato i personal computer ad un prezzo estremamente vantaggioso, mentre l’azienda ha contribuito per il 25 % del costo.
L’offerta di Compaq, comprendeva tre modelli della linea “Presario”.

Un modello desktop di fascia economica, un modello desktop di prestazioni superiori e un computer portatile. Le caratteristiche comuni erano date dalla semplicità di installazione e di uso e dalla predisposizione per il collegamento a Internet.

Insieme al personal computer, i dipendenti hanno anche potuto acquistare una stampante Lexmark, a scelta tra due modelli laser e a getto d’inchiostro.

L’azienda di Corrado Passera sta portando avanti un programma di informatizzazione degli uffici, con la messa in rete delle dipendenze e la formazione del personale.
È in questo quadro che va inserita la scelta – possiamo dire coraggiosa per l’Italia – di dotare di computer i propri dipendenti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.