RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Le norme a tutela del marchio d’impresa diventano un’arma contro la contestazione sul Web

26 Settembre 2001

Le norme a tutela del marchio d’impresa diventano un’arma contro la contestazione sul Web

di

Sempre più spesso la tutela del marchio d'azienda viene invocata come pretesto per ottenere la chiusura di siti Internet che diffondono messaggi critici nei confronti dell'impresa titolare del marchio. Recentemente, un laboratorio medico inglese è riuscito a far chiudere due siti animalisti.

Tra i tanti casi verificatisi, negli Stati Uniti e in Europa, è sicuramente nota a tutti la vicenda che ha visto coinvolta, in Francia, la Danone contro gli autori del sito “jeboicottedanone.com”. Il noto gruppo alimentare francese aveva, infatti, citato in giudizio, per contraffazione del proprio marchio, il provider e gli autori del sito che, utilizzando nell’indirizzo Internet il nome Danone, diffondevano messaggi sfavorevoli all’azienda e invitavano a boicottarla.

Accogliendo l’istanza della Danone, che lamentava una lesione del diritto all’utilizzazione esclusiva del proprio marchio, il Tribunal de grande Instance di Parigi, con sentenza del 23 aprile 2001, aveva imposto al sito Internet “jeboycottedanone.com” il divieto di utilizzare il marchio “Danone” sia all’interno delle proprie pagine, sia nel proprio nome di dominio, tanto sotto forma di logo, quanto citandolo espressamente.

Nei giorni scorsi, invece, un laboratorio medico inglese, Huntingdon Life Sciences, ha ottenuto la chiusura di due siti Web curati da militanti animalisti, che denunciavano la realizzazione di test su animali, da parte del laboratorio.

Il provider che ospita il sito, EnviroLink, di Pittsburg, negli Stati Uniti, preoccupato per le conseguenze di un eventuale processo, ha deciso di chiudere i siti in questione, dopo aver ricevuto una lettera dal legale del laboratorio medico che accusavano gli autori dei siti di usare indebitamente il marchio dell’Huntingdon Life Sciences.

Tuttavia, poco dopo la chiusura dei siti, sul nuovo shacusa.net, gli animalisti hanno invitato i loro simpatizzanti alla mobilitazione e sono riusciti – senza poter più essere accusati di contraffazione del marchio – a bloccare la linea telefonica e la casella di posta elettronica dell’avvocato del laboratorio, attraverso il continuo invio di messaggi.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.