FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Le mille previsioni sull’e-commerce del futuro

18 Maggio 2000

Le mille previsioni sull’e-commerce del futuro

di

Si moltiplicano e si sovrappongono le previsioni sul futuro della new economy

Ogni settimana si moltiplicano e si sovrappongono, spesso in maniera contraddittoria, le previsioni sul futuro della new economy. Molte società di ricerca – e consulenza- si specializzano in indagini sul commercio elettronico snocciolando dati e proiezioni. Ecco una breve rassegna delle principali affermazioni dell’ultimo mese di questi nuovi “oracoli” dell’era di Internet.

GartnerGroup Dataquest esamina l’espansione del mercato europeo in rapporto all’America prevedendo che, in termini di vendite on line, il resto del mondo sorpasserà gli USA nel 2001 e totalizzerà nel 2003 addirittura 233 miliardi di dollari contro i 147 americani (150%).

Forrester Research prevede una globalizzazione un po’ meno veloce: il Nord America contribuirà almeno fino al 2004 al 40% del totale delle vendite on line nel mondo, che dovrebbero raggiungere in quell’anno i 454 miliardi di dollari.

Una visione decisamente diversa quella di Emarketer, che elabora i dati delle ricerche di altre società e produce nuove stime. Secondo Emarketer nel 2003 il totale delle vendite on line nel mondo non supererà infatti i 187,6 miliardi di dollari. Inoltre Emarketer afferma che per la fine dell’anno la percentuale di americani sul totale degli utenti sarà del 42%, ma questo dato scenderà abbastanza velocemente arrivando al 36,9% nel 2003 (con Europa al 30%, i paesi asiatici al 27% e America Latina al 5%).

Secondo Angus Reid, invece, il 40% degli utenti Internet ha già effettuato un acquisto on line. Ma più della metà delle transazioni è stata effettuata da americani, che peraltro spendono in media molto più degli europei per comprare via Internet. Parallelamente alcuni sistemi telematici hanno più fortuna fuori dagli USA, come per esempio l’home banking molto apprezzato in Europa e in Asia.

Ma gli Stati Uniti beneficiano della diffusione dell’e-commerce in Europa, secondo Boston Consulting Group, aggiudicandosi il 20% del totale di 3.47 miliardi di vendite on line europee. Per gli Usa infatti l’Europa è terreno di guadagno, ma molti ritengono che la nuova frontiera del business sia l’Asia.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.