ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Le mappe di Google dettano legge sul Web

17 Maggio 2005

Le mappe di Google dettano legge sul Web

di

Lanciato nel febbraio 2005, Google Maps si sta imponendo come un riferimento sul Web. Il servizio di cartografia della società californiana fornisce mappe, itinerari e fotografie satellitari, il tutto con una grande efficacia e un'ottima facilità d'utilizzo

Nel quadro di una ricerca classica, Google Maps è capace di incrociare i dati cartografici con le informazioni locali: scrivendo la parola “bar” legata ad un luogo particolare, il motore pubblicherà direttamente sulla mappa (o sulla foto satellitare) i risultati.

Eviscerando a fondo il funzionamento del servizio, alcuni sono riusciti a inserire direttamente le loro informazioni nelle carte, utilizzando poi Google Maps per pubblicarle, e sono moltissimi i siti “copioni”, ufficialmente non autorizzati ma che sembrano tuttavia avere la tacita approvazione di Google, tra questi un servizio di HousingMaps che è certamente tra i più attivi.

Il suo autore, che lavora per lo studio d’animazione Dreamworks, ha creato un sito che recupera i dati geografici dei piccoli annunci immobiliari pubblicati su Craigslist per poi pubblicarli in tempo reale, con i dettagli dell’avviso, su una carta Google Maps.

Google Maps ha, dunque, innegabilmente una buona lunghezza di anticipo sui suoi concorrenti come Mappy, MapPoint, MapQuest o anche Yahoo! Maps/ViaMichelin. Eppure Google Maps utilizza il server cartografico Drill Down Server della start-up Telcontar, adottato anche da Yahoo! e Ask Jeeves per i loro rispettivi servizi.

“La piattaforma è la stessa, ciò che cambia è l’interfaccia grafica che queste società sviluppano per i loro utenti “, conferma Bill Schwegler, cofondatore di Telcontar. Su questo piano, evidentemente, gli ingegneri di Google hanno un vantaggio enorme sui loro concorrenti: per raggiungere il loro livello di rapidità e d’interattività, nonostante la complessità dell’interfaccia, utilizzano il motore XSLT di Internet Explorer o Firefox che converte al volo i dati XML, trasmessi dai server di Google, in un miscuglio di codici JavaScript, CSS, HTML e DHTML comprensibili dal navigatore. Una soluzione geniale e all’avanguardia, che vale a Google Maps lo scettro di re incontrastato del settore.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.