Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
La veloce crescita del mercato della pubblicità su Internet

04 Maggio 1998

La veloce crescita del mercato della pubblicità su Internet

di

Il 1997 è stato l'anno di consolidamento del mercato. Tra i principali settori ad investire nella pubblicità su Internet, i prodotti informatici (33%), i servizi finanziari (11%), e i new media (11%)

Citando un forte incremento di vendite nell’ultimo trimestre del 1997, l’Internet Advertising Bureau ha recentemente annunciato che il mercato della pubblicità su Internet ha superato lo scorso anno i 1.600 miliardi di lire. Secondo lo studio condotto da Coopers & Lybrand, il mercato della pubblicità online sta continuando il proprio trend di crescita, con un tasso del +48% nell’ultimo trimestre 1997 rispetto a quello precedente.

“Il 1997 è stato l’anno di definitivo consolidamento del mercato” ha dichiarato Rich LeFurgy, Presidente dell’IAB. “Tra i principali settori ad investire nella pubblicità su Internet durante l’ultimo trimestre del 1997 vi sono i prodotti informatici (33%), i servizi finanziari (11%), e i new media (11%). Cominciamo inoltre a vedere alcuni elementi tipici anche della pubblicità tradizionale, quali ad esempio dei trend di stagionalità” ha aggiunto LeFurgy.

A dare un fortissimo impulso alla crescita del mercato ci sono stati negli ultimi mesi i numerosi accordi di e-commerce stipulati tra i principali servizi di navigazione e “portal sites” e i più importanti siti di vendita su Internet. Riuscire a conquistare una posizione di primaria importanza all’interno dei siti più visitati di Internet è strategicamente vitale per qualunque sito di commerce che voglia raggiungere risultati importanti. Per questo motivo negli ultimi mesi si sono accavallati gli annunci di importanti accordi commerciali: solamente Lycos, l’azienda per cui lavoro, ha raccolto nel solo mese di Marzo 30 milioni di dollari, un valore che comincia ad essere decisamente rilevante. È chiaro che una strategia che consenta di “bloccare” possibilmente in modo esclusivo le principali posizioni di forte traffico su Internet, consente ad un online vendor di raggiungere velocemente una posizione di leadership nel proprio settore, difficilmente attaccabile in futuro.

Questo fenomeno che sta letteralmente esplodendo negli Stati Uniti – dove la vendita online comincia a portare i suoi frutti – comincia adesso a ripercuotersi anche in Europa. Lycos ha infatti concluso recentemente il più importante accordo di pubblicità su Internet in Europa con Cdnow, un contratto che prevede l’investimento di 12 miliardi per disporre di ampia visibilità e supportare l’ingresso sul vecchio continente del leader della vendita di prodotti musicali su Internet. Cdnow ha raggiunto quest’anno il traguardo di 1 milioni di vendite online, con un trend di crescita imponente e con una forte componente di richieste provenienti dai mercati europei.

Nonostante gli accordi di e-commerce stiano elettrizzando il mercato in questo momento, è prevedibile che il futuro della pubblicità online sia destinato a seguire altre strade. Non accenna infatti a rallentare la crescita di utenti della rete, e probabilmente questo fenomeno è destinato a durare diversi anni. L’arrivo su Internet di milioni di consumatori, implica un progressivo e crescente cambiamento nelle abitudini di ognuno di noi, modificando il modo in cui lavoriamo, studiamo e ci divertiamo. Tutto ciò significa quindi che le aziende si dovranno progressivamente adattare a questo fenomeno seguendo i propri consumatori sul nuovo media. La pubblicità su Internet è ancora una piccola percentuale del mercato pubblicitario complessivo, tuttavia decine di milioni di consumatori che passano ore del proprio tempo su Internet non possono essere ignorati.

Recentemente lo IAB, che si sta costituendo anche con la sua sezione italiana, ha pubblicato un’importante ricerca commissionata ad un’autorevole azienda americana: Millward Brown. La ricerca si è concentrata sull’analizzare l’efficacia della pubblicità su Internet, attraverso i banner. È emerso da questo studio che la pubblicità su Internet non solo viene ricordata, ma risulta anche essere efficace nel migliorare la percezione della marca da parte del consumatore e la sua propensione all’acquisto. Questa ricerca è un primo importante passo che consente di mettere a confronto la pubblicità su media tradizionali rispetto al media interattivo. Man mano che Internet entrerà nelle agenzie di pubblicità, nei centri media, negli uffici marketing e comunicazione delle aziende, si svilupperà un forte utilizzo della pubblicità online come di qualunque altro strumento di comunicazione oggi a disposizione. Questo è probabilmente il futuro della pubblicità online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.