RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
La tecnologia sorveglia i lavori al Ground Zero

26 Novembre 2001

La tecnologia sorveglia i lavori al Ground Zero

di

Sono passate molte settimane dall’11 settembre, eppure sotto quello che rimane delle due torri gemelle del World Trade Center cova ancora un incendio che si nutre dei mobili, dei computer e quant’altro è ancora sepolto dalle macerie.

Su tutto questo, su quello che i newyorchesi chiamano “Ground Zero”, vola costantemente un piccolo aereo. A bordo sono state installate una videocamera a visione termica, una videocamera digitale e un sofisticatissimo radar-laser per sorvegliare cosa ancora sta covando sotto il suolo.

È, a detta degli esperti, il più lungo incendio che abbia consumato un palazzo commerciale nella storia degli Stati Uniti. Un fuoco che non può essere attaccato direttamente e che i pompieri cercano di circoscrivere.

Per poterlo fare si affidano agli “occhi” di sofisticatissimi apparati forniti da una società privata, che raccoglie i dati analizzati in tempo reale da geografi dell’università newyorchese.

La società si chiama EarthData, specializzata da 50 anni nelle misure terrestri prese dal cielo. “Dal 15 settembre a oggi abbiamo sorvolato il Ground Zero tutti i giorni”, spiega Bryan Logan, presidente della società.
È l’unico mezzo aereo autorizzato dalle autorità a sorvolare a bassa quota la zona, normalmente vietata al sorvolo.

Appena arriva sulla zona, la telecamera a visione termica si attiva. Rileva le differenze di temperatura e permette di far apparire subito, sulla cartina del disastro e con una approssimazione di 50 centimetri, le zone più calde in rosso, le più fredde in blu con tutte le sfumature.

Compito del radar-laser, invece, consiste nel proiettare fasci laser sulle macerie in modo da costruire un’immagine molto precisa a tre dimensioni.
“Grazie a questo – spiega Logan – possiamo sorvegliare le zone franose giorno per giorno: si muove? Slitta? Queste attività potrebbero mettere in pericolo i soccorsi”.

I dati cosi raccolti vengono inviati velocemente al Centro per l’analisi e la ricerca di informazioni spaziali (CARSI) dell’Università di Hunter, a New York e escono sotto forma di cartine tridimensionali a colori.

Le cartine sono state molto utili ai pompieri e agli altri che lavoravano intorno alle macerie perché davano punti di riferimento, permettendo di localizzare meglio i crateri e gli ammassi.
“Le immagini termiche permettono di determinare dove cova il fuoco – spiega Sean Ahearn, direttore del CARSI – sorvegliamo anche i danni subiti da tutta la costruzione e i progressi nei lavoro di abbattimento”.

La durata eccezionale dell’incendio viene spiegata dal NYFD (New York Fire Department) dal fatto che dispone di immense riserve di combustibile e alimentato in modo ristretto ma regolare da correnti di ossigeno che penetrano tra le macerie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.