Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
La tassa sui CD vergini

22 Dicembre 2000

La tassa sui CD vergini

di

In Francia si sta studiando la possibilità di tassare i cosiddetti “Cd vergini”. Incaricata dello studio una commissione governativa, con rappresentanti dei consumatori, industria discografica e la Sacem (la SIAE francese).

Questo gruppo sta studiando i modi per applicare questa tassa, simile a quella già imposta sulle cassette audio e video, dal 18 di aprile di quest’anno.
Le ultime notizie parlano di un aumento del prezzo di questi supporti digitali da 1,5 franchi a 3 franchi (circa 900 lire).

Secondo Brun Buisson, che presiede questa commissione, gli aumenti saranno attuati dall’inizio dell’anno prossimo.

In Francia, dal 1986, il prezzo dei supporti audio e video comporta che una parte di esso vada alle società degli autori, artisti-interpreti e produttori audiovisivi.
La tassa corrisponde a 1,5 franchi per ora di registrazione sonora e di 2,25 franchi per il video.

E in Italia?
Abbiamo chiesto alla SIAE (Società italiana autori ed editori) che ci ha gentilmente fornito le informazioni.

In Italia esiste una legge, la n. 93 del 5 febbraio 1992, che regola le ” NORME A FAVORE DELLE IMPRESE FONOGRAFICHE E COMPENSI PER LE RIPRODUZIONI PRIVATE SENZA SCOPO DI LUCRO”.

All’articolo 3 comma 1, viene specificato che “i produttori originari di opere audiovisive e i produttori di vidoegrammi, e loro aventi causa, hanno diritto di esigere, quale compenso per la riproduzione privata per uso personale e senza scopo di lucro di fonogrammi e di videogrammi, una quota sul prezzo di vendita al rivenditore dei nastri o supporti analoghi di registrazione audio e video (musicassette, videocassette e altri supporti) e degli apparecchi di registrazione audio”.

In pratica il nostro legislatore aveva già previsto che i supporti potessero essere nuovi e diversi da quelli allora (si parla del 1992) in commercio.
Quindi, non nostro paese i CD-R sono già tassati come peraltro anche i nuovi supporti (smartmedia, flash card, ecc.).

Sempre all’articolo 3, poi, viene specificata la percentuale che spetta alla SIAE su ogni tipo di supporto venduto in Italia.
” Il compenso di cui al comma 1 è fissato nella misura del: a) 10 per cento del prezzo di vendita al rivenditore dei nastri o supporti analoghi di registrazione audio (musicassette e altri supporti audio); b) 5 per cento del prezzo di vendita al rivenditore dei nastri o supporti analoghi di registrazione video (videocassette e altri supporti video); c) 3 per cento del prezzo di vendita al rivenditore degli apparecchi di registrazione audio”.

Il compenso viene corrisposto alla SIAE, come dicevamo, che a sua volta lo gira “anche tramite le loro associazioni di categoria, per il 50 per cento agli autori e loro aventi causa e per il 50 per cento ai produttori di fonogrammi”.

Una procedura simile esiste anche per l’hardware, nella misura del 3 % sul prezzo di vendita (masterizzatori, duplicatori, ecc.).

Sempre dalla SIAE, apprendiamo che è allo studio una riduzione del 30 % di questa tassa, sui CD-R per copia di dati, come quelli che vengono usati dalle aziende informatiche per distribuire i loro prodotti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.