Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
La SDMI (discografici) teme le rivelazioni di Felten

26 Aprile 2001

La SDMI (discografici) teme le rivelazioni di Felten

di

Le industrie discografiche stanno combattendo una guerra senza riserve contro la pirateria e lo scambio di musica online (che per loro, sempre pirateria è). Una guerra che spesso li ha visti contrapposti a siti (Napster, per tutti) e anche singoli utenti. I loro combattenti di punta? Ma gli avvocati, naturalmente.

Sono loro che hanno consigliato Matthew Oppenheim (segretario del SDMI, la Secure Digital Music Initiative) a spedire una letteraccia di minacce a Edward Felten, professore dell’Università di Princeton e capo di un gruppo di ricercatori.

Questo gruppo, infatti, ha scoperto il modo per “saltare” le protezioni realizzate dal SDMI e utilizzare la musica senza perdere in qualità.

Da qui la lettera di minacce se queste informazioni venissero divulgate, cosa che dovrebbe accadere nel corso di una conferenza a cui dovrebbe partecipare il professor Felten e la sua équipe.

Tutta la vicenda (l’abbiamo raccontata in questa rubrica) parte a fine 2000, quando – proditoriamente e un po’ fanfaronescamente, adesso possiamo dirlo – la SDMI lancia una sfida: chi sarebbe stato in grado di far saltare la protezione messa in atto dal consorzio, avrebbe ricevuto un premio di 10 mila dollari.

Come, spesso, succede in campo informatico: detto, fatto. Felten e i suoi scoprono come aggirare le protezioni e, in cambio dei soldi, chiedono il diritto di diffondere i loro risultati.

Ad oggi, nessun documento è uscito dai laboratori di Princeton, perché le due parti sono ancora in causa.

Morale: in informatica il “sicuro” è morto e c’è sempre qualcuno più bravo di te, soprattutto se lo metti alla prova sfidandolo, pure.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.