ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
La Rete è entrata nel nostro quotidiano

30 Ottobre 2000

La Rete è entrata nel nostro quotidiano

di

La Ucla University ha realizzato un grande studio sul “futuro digitale”. Internet fa ormai parte integrante del nostro quotidiano e modifica alcune nostre abitudini.

Realizzato grazie al concorso di Microsoft, AOL e Walt Disney, lo studio dell’UCLA valuta l’influenza sociale, politica ed economica della Rete.

Realizzato su un panel di 2.500 utenti e non utenti Internet negli Stati Uniti, il rapporto mostra subito che le attività più svolte online sono l’invio e la ricezione di e-mail, la ricerca di informazioni e la lettura dell’attualità.

Il 42 % degli americani interrogati dichiara di controllare la posta elettronica almeno una volta al giorno.
E sono il 54,7 % degli utilizzatori a pensare che l’informazione su Internet è affidabile (contro 1/3 dei non connessi). I 2/3 degli utenti Internet pensano che il Web faciliti le condizioni di vita nel mondo, contro la metà dei non utenti.

Internet è talmente ben integrata nella vita quotidiana, che il 47,8 % degli adulti interrogati dichiara di minacciare i loro bambini con la privazione della connessione se fanno i cattivi.

Più di un quarto degli utenti afferma di avere nuovi amici che non ha mai incontrato di persona.
Ultimo segno dei tempi: la Rete fa ombra alla tv.
Infatti, le persone che dispongono di una connessione a casa guardano la tv in media 4,6 ore meno per settimana.

E il ritmo di crescita del Web è molto elevato: negli Stati Uniti, si contano circa 38 nuovi utilizzatori al minuto.

Il testo della ricerca (in formato.pdf) all’indirizzo http://www.ccp.ucla.edu/ucla-report.pdf

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.