Home
La polizia americana usa la voce per smascherare i colpevoli

27 Febbraio 2002

La polizia americana usa la voce per smascherare i colpevoli

di

Mandata in soffitta la famosa “macchina della verità” che ha sollevato non pochi dubbi durante gli anni di uso, la polizia americana fa sempre più ricorso a un apparecchio che valuta lo stress nella voce per determinare se una persona mente o dice la verità.

Anche questa attrezzatura, però, pone seri problemi di validità scientifica e spacca il mondo degli esperti.

L’analizzatore è costruito per scoprire le piccole modulazioni delle frequenze della voce di chi mente.
Il dispositivo è formato da un computer portatile, un software e un microfono.

Poliziotti americani che hanno utilizzato il test al poligrafo, la cosiddetta “macchina della verità”, dicono che non è conclusivo.

La vendita di questi apparecchi potrebbe incrementarsi grazie a una nuova legge sulla sicurezza aerea promulgata dopo gli attentati dell’11 settembre.
Il testo prevede l’uso di “analisi dello stress nella voce, di biometria e di altre tecnologie”, per impedire che terroristi si imbarchino sui voli di linea.

In alcuni Stati americani, le forze dell’ordine possono registrare surrettiziamente la voce di sospetti e passare successivamente il nastro alla prova della nuova macchina.
Sulla quale, come dicevamo, restano dubbi.

Alcuni studi stimano che l’analisi dello stress nella voce non è affidabile.
Inoltre, è vietata in molti Stati americani e, come il poligrafo, non è ricevibile dal tribunale.
Victor Cestaro, che ha realizzato ricerche sull’argomento per il dipartimento della Difesa, dice che “non ci sono prove scientifiche per validarla”.

L’azienda che commercializza il principale apparecchio sul mercato, l’Analizzatore informatico di stress della voce (CVSA), ne avrebbe venduti più di 1.100 esemplari alle forze dell’ordine nel paese, per un prezzo unitario di 11 mila dollari, compresa la formazione all’uso di sei giorni.

Un’altra società vende un apparecchio simile sotto il nome di “Lantern” per 4.700 dollari, ai quali bisogna aggiungerne 950 per una formazione di una settimana.

Secondo alcuni poliziotti che l’hanno utilizzato, non serve per arrestare qualcuno, ma aiuta l’inquirente a sapere dove cercare e preconizzano per questo tipo di analizzatore un futuro.

Le ricerche sull’analisi della voce sono iniziate alla fine degli anni ’50, quando gli scienziati hanno scoperto un “tremolio fisiologico”, cioè minuscole oscillazioni involontarie in un muscolo che si producono in un soggetto sotto stress.

Ma solo negli anni ’70 è stata costruita la prima macchina che usa questo principio, da tre ufficiali in pensione.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.