Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
La FTC mette sotto accusa le trappole pubblicitarie del Web

03 Ottobre 2001

La FTC mette sotto accusa le trappole pubblicitarie del Web

di

La Federal Trade Commission americana ha messo sotto accusa migliaia di siti Web che utilizzano vari sistemi e trucchi studiati per intrappolare gli utenti tra pagine e finestre pubblicitarie, che molto spesso promuovono pornografia, lotterie, scommesse.

Si tratta di quelle fastidiose finestre che si aprono, senza che l’utente l’abbia richiesto, quando accede ad alcuni siti o quando li abbandona. Ciò impedisce all’utente di scegliere e gestire il percorso di navigazione e, ciò che è più grave, intrappola tra contenuti poco adeguati anche i più giovani e i bambini. La visita involontaria a siti poco raccomandabili, inoltre, può creare problemi anche a quei dipendenti che utilizzano Internet e a cui non è consentito visitare siti pornografici, di azzardo, ecc.

Le trappole si realizzano non solo attraverso l’attivazione non richiesta di finestre, ma anche con il cosiddetto missplelling, cioè la registrazione di domini con nomi simili a altri famosi. Cambiando semplicemente una lettera del nome di un dominio molto noto si sfruttano infatti le sviste ortografiche di chi voleva raggiungere quel sito e si ritrova su quello “truccato”. Anche questi siti sono sotto accusa e la FTC intende farli chiudere.

La FTC sta puntando il dito anche contro il cosiddetto mousetrapping, cioè il sistema per fare in modo che quando l’utente clicca il pulsante back o di chiusura della finestra ciò fa sì che, al contrario, si aprano nuove finestre, ovviamente pubblicitarie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.