RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
La BCE sta trattando con Hitachi per l’inserimento di tag nelle banconote

24 Luglio 2003

La BCE sta trattando con Hitachi per l’inserimento di tag nelle banconote

di

La Banca Centrale Europea sta valutando l'opportunità di inserire un chip di tracciabilità, in grado di ricevere ed emettere segnali, nelle banconote da 5 euro in su. La notizia ha già generato preoccupazioni dal punto di vista della privacy

La BCE sta prendendo in considerazione una proposta della Hitachi, che prevede l’inserimento, all’interno di ogni banconota, di un RFID (Radio Frequency Identification) tag, cioè un dispositivo elettronico in grado di contenere un identificativo della banconota stessa, in modo da renderne molto più difficile la contraffazione e facilitarne il controllo da parte dei commercianti. Anche contare le banconote diventerebbe molto più rapido.

In futuro, i tag potrebbero anche essere in grado di registrare “la storia” di ogni singola banconota.

Una novità di questo genere non può non destare preoccupazioni riguardo alla privacy.

Molte associazioni di consumatori si sono già opposte all’introduzione di simili tecnologie, il cui impiego può invadere pesantemente la vita privata di ogni cittadino.

Un problema simile si è già posto quest’anno in seguito agli annunci, da parte di Gillette e Benetton (quest’ultima, però, successivamente ha smentito la notizia), di ricorrere a chip di tracciabilità RFID per individuare il singolo prodotto dalla fabbrica al negozio, sino a che non vengano disattivati, al momento della vendita al consumatore finale, con il passaggio attraverso la cassa.

L’impiego dei tag, secondo Benetton e Gillette, avrebbe migliorato la produzione, facilitando l’effettuazione degli inventari e migliorando la gestione degli stock; sarebbe stato anche utile per prevenire i furti.

Intanto, Wall Mart, un’importante catena di supermarket, ha recentemente chiesto ai propri maggiori fornitori di dotare i prodotti di tag RFID.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.