OFFERTA DEL GIORNO

Machine Learning con Python in ebook a 6,99€ invece di 24,99€

Risparmia il 72%
Home
iPod super star

28 Luglio 2004

iPod super star

di

Proprio mentre Apple annuncia utili triplicati grazie all'iPod e il lancio della quarta generazione di lettori, il ministero della Difesa britannico ha aggiunto il player al suo elenco dei supporti tecnologici a rischio. iPod, come altri prodotti simili realizzati da concorrenti, sarà bandito dalla maggior parte degli impianti militari britannici, in Gran Bretagna e all'estero

Il grande successo di iPod e la sua enorme diffusione tra i giovani – compresi i militari – sta destando qualche preoccupazione. Soprattutto in Gran Bretagna. Questi apparecchi digitali dotati di discreta memoria e collegamento USB, sono guardati con sempre più apprensione dai pubblici poteri e dalle imprese.

La grande paura dell’esercito anglosassone è che questi supporti vengano utilizzati per copiare informazioni dai computer, trasformando così un gadget inoffensivo in un’arma a disposizione di spie e ladri. Con Windows XP, infatti, che riconosce automaticamente la maggior parte degli apparecchi USB, aziende ed esercito hanno iniziato a preoccuparsi seriamente.

In occasione di un sondaggio realizzato presso 200 grandi e medie imprese britanniche per Reflex Magnetics, una società di sicurezza informatica, l’82% ha affermato di considerare gli apparecchi USB come una minaccia per la loro sicurezza.

Nella maggior parte dei casi, poi, un’impresa così come l’esercito non hanno alcun mezzo per sapere se qualcuno all’interno ruba dati grazie a un supporto portatile. Un lettore digitale come l’iPod, della capacità di due giga, può facilmente conservare file importanti, progetti ad esempio, che se copiato e rivenduto arrecherebbero un enorme danno. Per questi motivi, l’esercito di Sua Maestà ha deciso di proibire l’utilizzo del lettore digitale della società di Cupertino dai suoi impianti.

Risultati entusiasmanti

Intanto Apple Computer ha annunciato di avere triplicato i ricavi del terzo trimestre, con un utile netto di 61 milioni di dollari, cioè il 16% per azione, contro i 19 milioni (5%) di un anno prima. Una performance positiva duvuta principalmente all’inarrestabile successo di iPod, il suo lettore di file musicali con hard disk.

La società di Cupertino ha venduto, nel terzo trimestre d’esercizio, 860.000 iPod – per un giro d’affari di 249 milioni di dollari – contro i 304.000 venduti nel corso del medesimo trimestre dello scorso anno. Il gruppo ha anche venduto 876.000 computer Macintosh – per un valore complessivo di 1,26 miliardi – contro i 771.000 venduti nel 2003.

Anche in Borsa le cose vanno decisamente bene. Le azioni Apple hanno chiuso a 30,48 dollari con un rialzo dell’1,2%. Dall’inizio dell’anno, poi, il titolo ha preso il 38%.

La quarta generazione è pronta

Visti i risultati dei predecessori, grandi speranze suscita il lancio del nuovo iPod, la quarta generazione del player portatile di musica più venduto al mondo, ora dotato della ghiera cliccabile, la Click Weel (per cui è stato chiesto il brevetto), che combina lo scrolling lineare e continuo caratteristico della ghiera sensibile al tocco, con i cinque bottoni ciccabili per una migliore navigazione con una sola mano.

Il nuovo iPod è inoltre dotato anche di una maggiore durata della batteria, fino a 12 ore, e di Shuffle Songs, un nuovo comando nel menù principale che offre agli utenti accesso istantaneo a uno dei modi più innovativi per ascoltare la propria libreria musicale.

Tutti gli iPod si interfacciano con iTunes di Apple, fornendo agli amanti della musica il migliore jukebox digitale attualmente disponibile e dando loro l’accesso privilegiato all’iTunes Music Store.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.