Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Intel si adeguerà all’ingiunzione dell’Antitrust giapponese

07 Aprile 2005

Intel si adeguerà all’ingiunzione dell’Antitrust giapponese

di

Il gigante americano dei microprocessori ha annunciato che si conformerà alla decisione della Japan Fair Trade Commission, rinunciando a campagne promozionali accusate di falsare il gioco della concorrenza

Intel ha comunque contestato le accuse dell’Antitrust giapponese, secondo cui avrebbe violato le leggi antimonopolio e ostacolato il suo compatriota e competitor Advanced Micro Devices.

“Possiamo accettare l’ordine di cessare ogni attività promozionale, ma siamo rispettosamente in disaccordo con le autorità giapponesi e con la loro interpretazione dei fatti”, ha dichiarato Chuck Mulloy, portavoce di Intel, aggiungendo che il gruppo non ha alcuna intenzione di modificare le sue pratiche commerciali fuori del territorio nipponico. Ha poi aggiunto che le promozioni sono un’ottima cosa per gli acquirenti di PC

Intel ha precisato che le è ancora consentito proporre promozioni o sconti sugli acquisti di grandi quantità.

Accettando di dare seguito all’ingiunzione giapponese, Intel ha voluto evitare di avviare una procedura giudiziaria che potrebbe durare molti anni e che rischierebbe di indebolire la sua posizione in un paese in cui ha realizzato, l’anno scorso, un fatturato di tre miliardi di dollari. Il gruppo controlla, infatti, quasi il 90% del mercato giapponese dei microprocessori.

La vicenda

In seguito a denunce di AMD e di Transmeta, nell’aprile 2004 gli investigatori giapponesi avevano perquisito tre edifici di Intel. La Commissione ha successivamente ordinato alla società americana, tre settimane fa, di cessare dall’abbinare sconti e promozioni alla percentuale di chip Intel utilizzati nei computer dell’impresa cliente. Secondo la Commissione, infatti, la filiale giapponese del gigante americano avrebbe fissato soglie del 90 e 100%, superando le quali gli acquirenti beneficiano di prezzi molto interessanti.

AMD ha salutato la decisione giapponese con molto entusiasmo. Il gruppo, la cui quota di mercato in Giappone è crollata dal 25% nel 2002 al 10% alla fine dell’anno scorso, ha denunciato questa stessa pratica di Intel alla Commissione europea che, per il momento, sta esaminando la documentazione.

Il mercato europeo è molto più importante per il gigante dei processori, avendo rappresentato l’anno scorso quasi il 25% del suo fatturato, pari a 34 miliardi di dollari.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.