Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
In classe arriva l’abbecedario multimediale

23 Marzo 2001

In classe arriva l’abbecedario multimediale

di

Il Dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa e la società Gio-Tec, con l'aiuto di esperti di psicologia e linguistica, hanno prodotto "Il magico giardino", un innovativo software per la didattica.

È un altro simbolo della scuola destinato a scomparire travolto dalla rivoluzione tecnologica. Anche l’abbecedario, il vecchio cartellone appeso dietro la cattedra del maestro pieno di lettere e figure colorate, sarà sostituito dal computer, o meglio da un abbecedario multimediale. Gli esperti dicono che aiuterà i bambini dell’ultimo anno delle scuole materne e della prima elementare a imparare a leggere prima e meglio. E quelli più svantaggiati (e con leggeri handicap psichici) a recuperare il tempo perduto.

Al progetto stanno lavorando docenti e ricercatori del Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa, in collaborazione con la linguista Claudia Alberti, lo psicologo Fabio Celi e la Gio-Tec, una società della new economy formata da studenti e laureati dell’università toscana. Il risultato è un software molto innovativo che potrebbe cambiare il modo di fare didattica nelle scuole materne e nei primi anni delle elementari.

L’abbecedario multimediale ha un nome, “Il magico giardino”, ed è un micromondo nel quale i bambini si immergono a colpi di clic del mouse giocando. Sfogliano ambienti colorati, bellissimi, e incontrano immagini, personaggi e le prime lettere dell’alfabeto. E, divertendosi (l’aspetto ludico è fondamentale nel progetto pisano), imparano l’alfabeto e a leggere.

Il software è diviso in più tavole, o meglio in luoghi virtuali nei quali il piccolo (sempre seguito costantemente da insegnanti o genitori) incontra animali del bosco, interagisce con loro, si misura in giochi di abilità e impara il significato delle parole.

Il software è anche in grado di parlare. I programmatori hanno inserito voci di bambini, che guidano i coetanei nell’esplorazione, e commenti di Laura Antonelli, un’artista di teatro pisana.

“L’interfaccia è stata studiata nei minimi particolari – spiega la professoressa Maria Rita Laganà, docente di Didattica dell’Informatica all’Università di Pisa – e abbiamo cercato di renderla il più possibile intuitiva e di facile utilizzo. Ciò per garantire un livello di coerenza necessario a impedire la dispersione tipica degli ipertesti informatici non strutturati. In altre parole, grazie a metafore visive, il bambino segue una strada e percorre un cammino pedagogico e didattico che lo porta a scoprire, giocando, grafemi e fonemi. Abbiamo anche inserito un memory, un gioco didattico per associare lettere e fonemi. Un modo per divertirsi e imparare a leggere”.

“Il magico giardino” è anche un piccolo capolavoro grafico. Tutte le tavole sono state disegnate su carta e dipinte ad acquerello, dal pittore Paolo Lavagno. Uno scanner ad alta risoluzione le ha poi trasformate in bit. Oggi il progetto è memorizzato su dischi fissi e Cd-rom, ma a Pisa si sta pensando di realizzare una versione via Internet.

Ma “Il magico giardino” è qualcosa di più di un abbecedario hi-tech e pare essere di aiuto anche ai bambini portatori di handicap psichici. Una prima sperimentazione condotta dall’Asl di Massa su bambini con lieve ritardo mentale e disturbi dell’apprendimento sta dando esiti positivi.

Dice Fabio Celi, direttore del laboratorio Ausili dell’Asl di Massa: “Non vogliamo alimentare facili ottimismi. Siamo ancora agli inizi ed è presto per dare giudizi di valore scientifico. Però stiamo osservando dei progressi nella lettura sui bambini dai 5 ai 9 anni. Sono più motivati, si divertono e hanno maggiore autostima. Perché davanti a un computer non si sentono svantaggiati come quando devono utilizzare sussidi studiati per l’handicap. I primi risultati sono incoraggianti: i bambini imparano a leggere meglio e in minor tempo”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.