Home
Il quotidiano nel 2005, Internet inclusa

14 Dicembre 1999

Il quotidiano nel 2005, Internet inclusa

di

Ecco di seguito le previsioni di alcuni esperti USA sul mutamento del settore dei quotidiani da qui a cinque anni. Il numero delle testate d’informazione si restringerà a un pugno di grossi conglomerati, ciascuno dei quali sarà in grado di distribuire notizie in tempo reale e ovunque nel mondo, tramite TV, stampa e Web. Per poter sopravvivere, i giornali dovranno offrire contenuti il più possibile locali e specializzati superiori a quelli garantiti da guide cittadine stile Sidewalk.com, insieme a formule di abbonamento tra loro assai diversificate. Elemento forse più importante, andrà ancor più scomparendo la demarcazione tra contenuti editoriali e inserzioni pubblicitarie.

In mancanza di entrate da parte dei navigatori del Web, i siti d’informazione saranno costretti ad ampi compromessi. Ovvero, per riuscire a prosperare dovranno affidarsi quasi unicamente a elementi quali pubblicità ed e-commerce. Con annesse, inusitate tentazioni: link agli inserzionisti direttamente nel corpo degli articoli, utilizzo di nuove tecnologie per far apparire veri e propri annunci nei pezzi o sul monitor dell’utente, pur se in maniera discreta. “La linea di confine tra stato e chiesa diventerà sempre più sfuocata da qui al 2005,” hanno chiarito Michael Wolf e Geoffrey Sands, i partner presso Booz-Allen & Hamilton che hanno avanzato tali previsioni.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.