Home
Il processore Itanium sorride al Pinguino

08 Giugno 2001

Il processore Itanium sorride al Pinguino

di

Presto sul mercato i primi sistemi basati sul rivoluzionario processore a 64 bit di Intel, ma occorrerà ancora molto tempo per vedere i primi Pc Itanium Inside. I produttori di distribuzioni Linux promettono che Linux a 64 bit arriverà presto per tutti

Dopo un lungo periodo di ricerca e sviluppo, tra qualche settimana arriveranno finalmente sul mercato le prime workstation dotate del processore Itanium, la Cpu a 64 bit su cui Intel sta investendo una grande quantità di risorse. Nella Silicon Valley, gira voce che il futuro di Intel dipenda addirittura dal successo di Itanium. Se il processore avrà successo le casse dell’azienda ne risentiranno positivamente, altrimenti sul podio salirà definitivamente l’antagonista di sempre, Amd.

Inizialmente, Itanium sarà destinato alle applicazioni più impegnative, a elevate prestazioni e di livello aziendale. I grandi database, le transazioni di e-commerce, la progettazione meccanica e i calcoli scientifici saranno sensibilmente velocizzati rendendo i sistemi Intel a 64 bit competitivi rispetto ai costosissimi mainframe Risc. Itanium si basa sulla tecnologia Epic (Explicitly Parallel Instruction Computing) e grazie alla memoria cache di grandi dimensioni si riusciranno ad assemblare server e workstation ad alte prestazioni. I primi modelli di Itanium contengono ben 2 o 4 Mb di cache L3 e viaggiano alla velocità di 800 e 733 MHz.

Quali sono i sistemi operativi che supportano i 64 bit dell’Itanium? A dire la verità, c’è l’imbarazzo della scelta. Ben quattro sistemi operativi, anche se in fase di testing, sono già pronti per l’Itanium: Microsoft Windows 64 bit Edition, Hp-Ux 11i v1.5, Ibm AIX-5L e Linux a 64 bit. Nel corso del prossimo anno, anche Caldera, Red Hat, SuSE Linux e Turbolinux rilasceranno la loro versione di Linux a 64 bit.

Anche Sgi, Silicon Graphics, ha rilasciato il suo super-sistema a 64 bit dotato di processore Itanium e sistema operativo Linux. Si tratta della workstation Silicon Graphics 750 con possibilità di upgrade fino a due processori e 16 Gb di memoria. Il prodotto è destinato però a tutti coloro che operano in settori tecnici, quali la dinamica computazionale dei fluidi, la chimica computazionale e il calcolo scientifico.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.