Home
Il nemico degli Stati Uniti è l’Asia

26 Marzo 2002

Il nemico degli Stati Uniti è l’Asia

di

Chi ce l’ha con gli Stati Uniti e usa la rete per attaccarli senza tregua? Risposta: l’Asia.

È il responso dato dalla Predictive Systems, un’azienda di consulenza in sicurezza che ha indicato in paesi come la Corea del Sud, la principale fonte di atti di pirateria informatica.

Più del 90 % dei “cyberattacchi” non hanno origine negli Stati Uniti, ma arrivano dall’Asia e dai paesi dell’area del Pacifico, secondo i dati raccolti dall’azienda sull’ultimo trimestre 2001.

In testa, dicevamo, la Corea del Sud con il 34 %, seguita dalla Cina con il 29 % e dal Giappone con il 10 %.
Tuttavia, l’autore del rapporto Richard Smith mette le mani avanti e dice che questi atti di pirateria, propagati attraverso virus, potrebbero essere stati concepiti fuori da questi paesi.

I computer collegati a sistemi a larga banda, particolarmente numerosi in questi paesi, sono più vulnerabili ai virus in modo direttamente proporzionale al fatto che siano costantemente collegati a Internet.

“La Corea del Sud è uno dei paesi dove esistono più collegamenti a larga banda, dopo gli Stati Uniti – spiega Smith all’AFP – Non penso che tutti gli attacchi siano partiti di là”.

Alcuni paesi asiatici, ha ancora aggiunto, fanno molto per incoraggiare l’accesso a Internet senza tuttavia accompagnare questi sforzi con misure di sicurezza appropriate.
Lo studio ha raccolto circa 12 milioni di atti di pirateria, sia riusciti che non, durante l’ultimo trimestre 2001, dei quali il 49 % sono partiti dagli Stati Uniti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.