RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Global Internet Liberty Campaign contro rating e autoregolamentazione

14 Settembre 1999

Global Internet Liberty Campaign contro rating e autoregolamentazione

di

Il sistema internazionale di “rating” per Internet, proposto nel corso dell’Internet Content Summit appena conclusosi a Monaco di Baviera, rischia di ostacolare seriamente la libera circolazione d’informazione online. Questa la netta posizione affermata a latere del meeting da 19 organizzazioni di tre continenti a difesa dei diritti civili su Internet. Secondo la posizione congiunta, in pratica un tale sistema “volontario” non farebbe che facilitare le restrizioni legislative nazionali del discorso pubblico online.

Tali organizzazioni, riunite per l’occasione sotto l’egida della Global Internet Liberty Campaign e guidate dai gruppi storici statunitensi quali Electronic Frontier Foundation e Electronic Privacy Information Center, hanno ribadito la pericolosità per la libera espressione sia dei sistemi di “rating” sia della cosiddetta “autoregolamentazione”. Citando soprattutto il recente caso australiano, la cui legislazione richiede il blocco d’accesso a certi siti sulla base del similare sistema di “rating” in voga per film e pubblicazioni, tali organizzazioni ribadiscono la posizione secondo cui ogni sistema di filtraggio non fa altro che provocare molti più danni dei problemi che vorrebbe risolvere. E come alternativa propongono invece approcci differenziati: attivo coinvolgimento dei genitori, educazione ad ampio raggio sugli usi “civici” di Internet, maggiore informazione dei media sugli effettivi rischi dei siti.

Per l’Italia, nella Global Internet Liberty Campaign è presente ALCEI, Associazione per la Libertà nella Comunicazione Elettronica Interattiva, nel cui sito è disponibile il comunicato integrale rilasciato a Monaco.

ALCEI: http://www.alcei.it/

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.