Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Gli Stati Uniti spieranno tutti gli stranieri

04 Luglio 2002

Gli Stati Uniti spieranno tutti gli stranieri

di

Gli Stati Uniti il paese della libertà? Una volta forse. Adesso, dopo l’11 settembre tutti spiano tutti, soprattutto se sono stranieri.
Con l’alibi della lotta al terrorismo, il servizio immigrazione americano ha messo a punto su Internet un sistema per seguire gli studenti stranieri. Lo scopo è acchiappare più facilmente quelli che trasgrediscono le regole per il visto.

Il sistema di informazioni sugli scambi di visitatori e studenti (SIEVE), funziona da lunedì e appartiene agli sforzi di Washington per aumentare la sorveglianza sui visitatori che arrivano negli Stati Uniti.
Gli istituti scolastici e universitari che accolgono studenti stranieri saranno obbligati ad aderire al sistema prima del 30 gennaio per garantire la prova che sono in grado di assicurare un insegnamento appropriato agli studenti che arrivano negli Stati Uniti. Si tratta di un impegno colossale, se si pensa che gli studenti stranieri che hanno fatto domanda di visto per studiare negli Stati Uniti nel 2001 sono stati 660 mila.

“Il SIEVE rivoluzionerà il modo in cui l’informazione sugli studenti stranieri è condivisa tra gli istituti scolastici e il servizio immigrazione”, ha dichiarato soddisfatto un responsabile del servizio immigrazione.

All’inizio dell’anno, i deputati americani avevano chiesto un miglior controllo a partire dal 2005 dei circa 35 milioni di visitatori che si recano negli Stati Uniti annualmente.
Tutto, a seguito degli attacchi terroristici dell’11 settembre da parte di militanti islamisti che erano entrati in modo legale negli Stati Uniti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.