Home
Gli Internet provider responsabili del contenuto dei loro server

19 Maggio 1999

Gli Internet provider responsabili del contenuto dei loro server

di

Il Parlamento europeo è in procinto di approvare una legge che ha l’obiettivo di unificare la legislazione sul commercio elettronico nei 15 paesi dell’Unione europea. I parlamentari propongono che i fornitori di servizi Internet siano assoggettati al regime legislativo vigente nel loro paese e che siano ritenuti responsabili della legalità dei contenuti ospitati sui loro server dal momento in cui vengono a conoscenza della presenza di siti illegali.

Si tratta di una misura che non mancherà di suscitare perplessità, soprattutto tra gli Internet Service Provider che, d’altro canto, hanno evitato di venire incaricati del compito di ricercare i dati essenziali per l’identificazione dei gestori dei siti ospitati. Un emendamento in tal senso è stato respinto dal Parlamento europeo.

Dal canto suo, la lobby degli operatori europei, l’Etno (European Telecommunications Network Operators), ha assunto una posizione altrettanto risoluta: se chi ospita le pagine incriminate riceve una denuncia formale è tenuto a oscurare il sito in questione.

Il progetto di legge, prima di essere votato, dovrà essere approvato dal Consiglio dei ministri.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.