Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Giro di vite contro la depravazione su Internet in Iran

16 Gennaio 2003

Giro di vite contro la depravazione su Internet in Iran

di

Mentre la più imponente azione antipedofilia porta alla scoperta di nomi eccellenti implicati nel turpe traffico tra Stati Uniti e Gran Bretagna, in uno dei cosiddetti “stati canaglia”, l’Iran si prendono misure contro la “depravazione” su Internet. A modo loro, si intende.

È stato un alto responsabile della gestione della giustizia in Iran a denunciare quella che definisce l’influenza nefasta di Internet e promette misure per controllare il suo utilizzo, come riporta l’agenzia ufficiale, Irna.

“Prenderemo le necessarie misure previste per legge – dichiara Abbas-Alì Alizadeh, procuratore generale di Teheran – Siamo tutti testimoni di questo nuovo fenomeno che mette a disposizione della popolazione i peggiori programmi immorali e che incoraggia la depravazione e al corruzione”.

Parole che, se fossero uscite dalla bocca del ministro degli Interni britannico, dopo quanto emerso dalla inchiesta congiunta Usa-Gran Bretagna, non avrebbero creato scandalo.
Ma ogni paese ha il suo metro per definire cosa è o non è depravazione.

Le autorità giudiziarie iraniane, nella versione ufficiale, vogliono obbligare i fornitori di servizi Internet a installare filtri per impedire l’accesso a siti pornografici.
Nella realtà, i conservatori (che ancora detengono il potere giudiziario) vogliono controllare i siti e le informazioni, soprattutto a carattere politico, così come fanno per la radio e la televisione di stato.

Il 4 gennaio, infatti, si è riunito un gruppo di “censori” formato da rappresentanti del ministero della Cultura e delle informazioni, della radio e della televisione di stato, con lo scopo di controllare i siti “illegali” di informazioni su Internet.

La decisione di creare questo comitato è stata presa durante una riunione dell’Alto consiglio della rivoluzione culturale, presieduta dal capo dell’autorità giudiziaria, l’ayatollah conservatore Mahmud Hachemi-Charudi.

Su questi temi, soprattutto sulla modernizzazione del paese e dell’avvicinamento all’Occidente, lo scontro interno è molto forte e provoca frizione nella nomenclatura al potere, che non è così monolitica come si pensa.

Ad esempio, alla riunione dell’Alto consiglio della rivoluzione culturale dove è stata presa la decisione non c’era il presidente riformatore Mohammad Khatami, malgrado sia lui a dirigere l’organismo, a maggioranza conservatrice.

Internet è sempre più usata in Iran, soprattutto dai giovani che frequentano le centinaia di cyber cafè della capitale, Teheran.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.