ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Europa 2003, professori e studenti su Internet

13 Marzo 2000

Europa 2003, professori e studenti su Internet

di

La Commissione europea spinge l’acceleratore sul programma eEurope, con l’obiettivo di fare della cultura digitale una delle basi di conoscenza di tutti i giovani europei.

e-Learning, è il progetto che l’Europa mette in piedi nello specifico e che si rivolge ai giovani del Vecchio Continente.
La formazione e il rinnovo del materiale informatico rappresentano le due pietre angolari su cui si erigerà il programma.

Il programma, che verrà presentato ufficialmente l’8 giugno prossimo, sarà gestito a tappe fino al 2003, quando tutti gli studenti dell’Unione avranno acquisito una cultura digitale una volta finite le scuole.
Progressivamente, saranno messe online risorse pedagogiche, sarà facilitato l’accesso alla Rete utilizzando la scorciatoia dei centri pubblici.

La parte più ambiziosa del progetto prevede che entro due anni, tutti gli insegnanti “devono” disporre di un’attrezzatura individuale e essere capaci ad utilizzare Internet e le risorse multimediali. Tutti gli studenti “devono” avere un accesso veloce a Internet e alle risorse multimediali in classe.

Viviane Reding, membro della Commissione incaricata del progetto, precisa che questi obiettivi “richiedono a molti degli Stati membri sforzi supplementari. Permetteranno agli europei di recuperare buona parte del loro ritardo sugli Stati Uniti”.

Parlando della messa in rete delle scuole, la Commissione propone anche un rafforzamento del progetto “European Schoolnet” (Eun), iniziativa di comune intesa tra Commissione e 20 ministeri dell’educazione dell’Unione europea. Inoltre, trattando l’argomento dei servizi digitali e di software educativi, si è parlato del deficit europeo in questo campo e sul modo di promuovere la dinamica del mercato per rinforzare la dimensione europea dei contenuti e dei servizi accessibili online.

“La società dell’informazione deve utilizzare in Europa contenuti europei”.
Con questo commento lapidario Viviane Reding fa capire, una volta per tutte, con quale spirito la Commissione europea intende muoversi in questo settore.

Per saperne di più http://www.europa.eu.int/rapid/start/cgi/guesten.ksh?p_action.gettxt=gt&doc=IP/00/234|0|RAPID&lg=EN

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.